Domande e Risposte

Come si gestisce un cliente all’estero se ho Partita Iva in Italia in regime forfettario?

Come insegnante ho la possibilità di tenere dei corsi in Francia.
Attualmente ho una Partita Iva in Regime forfettario e il committente a cui dovrò fare fattura è una scuola francese con sede in Francia.

Dovrei convertire la mia P.IVA in Francia e come? Avevo letto di una iscrizione da fare all’Agenza delle Entrate per abilitare la mia P.IVA italiana all’estero in UE con il Vat Number e poi un’iscrizione al Vies… me lo conferma?

Con la sua Partita Iva italiana in Regime forfettario, può tranquillamente emettere fattura verso un Paese estero, senza dover convertire la sua Partita Iva, dovrà solo adottare alcuni accorgimenti nel momento in cui emette fattura.

Per prestazioni verso paesi appartenenti all’Unione Europea, dovrà:

  • iscriversi al VIES;
  • emettere la fattura senza Iva e con la dicitura “Inversione contabile” o “Reverse charge“;
  • qualora dovesse emettere fatture per prestazioni di servizi o vendite di beni nei confronti di soggetti con sede in un altro Stato dell’Unione Europea iscritti al Vies dovrà presentare trimestralmente il modello Intrastat. Il modello Intrastat è un documento che viene inviato all’Agenzia delle Dogane per la rilevazione dei dati statistici fiscali riguardanti lo scambio di merci tra i Paesi membri dell’Unione europea. Può verificare l’iscrizione al Vies su FlexSuite, nella sezione “FlexTools – Controllo Vies“. Se non è un nostro utente, può registrarsi gratuitamente a FlexTax.

Il fatto che lei emetta fattura verso la Francia non andrà a modificare aliquote di imposta e contributi: verranno sempre versate sulla base del reddito prodotto.

Il modello Intrastat non richiede il versamento di denaro, pertanto non avrà costi aggiuntivi, in questo senso.

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI