Domande e Risposte

Registrare acquisti di privati che comprano servizi online

Ho un portale online e vendo servizi grafici. Nel caso di privati che comprano tali servizi online ma non richiedono fattura, come devo registrare gli acquisti? Di quali dati ho bisogno? Sono un web designer.

Come registrare degli acquisti di privati che comprano servizi online?

Nel momento in cui presta servizi online, potrà tenere un registro dei corrispettivi, andando a indicare il nome del suo cliente, la data della prestazione da lei effettuata, la data del pagamento, l’importo e la modalità del pagamento stesso.

Le riportiamo inoltre parte del testo della Risposta n. 96 del 4 dicembre 2018 dell’Agenzia delle Entrate:

“Per “servizi elettronici” devono intendersi […]

«a) la fornitura di prodotti digitali in generale, compresi software, loro modifiche e aggiornamenti;
b) i servizi che veicolano o supportano la presenza di un’azienda o di un privato su una rete elettronica, quali un sito o una pagina web; […]
f) i servizi elencati nell’allegato I  […]

Ne deriva, per la loro documentazione, che non solo non vi è obbligo di emettere fattura – fatta eccezione per l’eventuale richiesta del committente”.

Pertanto, per la normativa attualmente vigente, potrà tenere un registro dei corrispettivi per avere una traccia delle sue entrate, senza obbligo di emettere fattura ogni volta che vende un servizio digitale, a meno che il cliente non gliela richieda entro il pagamento del servizio da lei prestato.

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI