Come fare per aprire Partita Iva e vendere videocorsi online? - Flextax.it

Come fare per aprire Partita Iva e vendere videocorsi online?

Ho un contratto a tempo pieno in apprendistato e vorrei vendere videocorsi online (clienti internazionali) sul mio sito internet. Come dovrei fare per essere in regola con il fisco, anche dato che per il primo anno mi aspetto ricavi molto ridotti? Inoltre sul mio contratto di lavoro è espresso che non posso avere un altro lavoro subordinato (ma il lavoro sopra descritto non rientra in questa categoria, corretto?) e fare concorrenza al datore di lavoro. Io venderei corsi di marketing (attualmente sono impiegata come responsabile marketing all’interno dell’azienda), però non avrei controllo su chi compra il corso, quindi anche le aziende concorrenti potrebbero acquistarlo, sarebbe un problema?

 

Per aprire la sua Partita Iva, essendo lei anche dipendente, dovrà controllare di non fare concorrenza al suo datore di lavoro, aspetto giuridico presente in ogni contratto di lavoro.

Per poter adottare il Regime Forfettario per la sua Partita Iva, dovrà controllare per prima cosa di non ricadere in nessuna delle cause di esclusione che può trovare elencate qui: Regime Forfettario 2022

Potrà applicare il Forfettario per la sua Partita Iva se il suo reddito da lavoro dipendente è inferiore ai 30.000 € all’anno.

Inoltre, per poter mantenere il Forfettario anche l’anno successivo, non dovrà fatturare prevalentemente (per più del 50%) al datore di lavoro attuale o avuto nei due anni precedenti l’apertura della sua Partita Iva.

Se i corsi che vende li realizza direttamente lei, dovrà adottare il seguente Codice Ateco:

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

85.59.20 – Corsi di formazione e corsi di aggiornamento professionale
che include:

– corsi di formazione in informatica
– corsi di formazione per chef, albergatori e ristoratori
– corsi di formazione per estetiste e parrucchieri
– corsi di formazione per riparazione di computer
– corsi di primo soccorso, antincendio, rls, rspp

Le indichiamo che tale Codice Ateco include anche corsi non espressi in questo elenco.

Il coefficiente di redditività associato a tale Codice è del 78%: questo va applicato ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile su cui calcolare imposta e contributi da versare.

L’imposta sostitutiva è del 15%, con la possibilità di applicare la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività se ne rispetta le condizioni: Regime forfettario imposta sostitutiva 5 %

Se i corsi che realizza direttamente lei sono venduti ad nr. persone diverse e non sono personalizzati uno diverso dall’altro in base alle specifiche esigenze del cliente, dovrà iscriversi in Camera di Commercio in quanto tale attività avrà un carattere prettamente commerciale, in quanto uno stesso corso sarà venduto ad n persone diverse.

In questo caso, dovendosi iscrivere in Camera di Commercio (a cui versare una volta all’anno il diritto camerale di circa 50 euro), dovrà versare i contributi alla Gestione Commercianti Inps, secondo questo schema di reddito (ricavi x coefficiente del 78%):

per il reddito compreso tra 0 e 15.953 euro: verserà contributi fissi di circa 3.850 euro;
per il reddito superiore ai 15.953 euro: oltre ai contributi fissi, li verserà per il 24,09%.
Essendo iscritti alla Gestione Commercianti Inps e applicando il Forfettario, potrà inoltre richiedere la riduzione del 35% dei contributi da versare. Per tutti gli approfondimenti: Regime forfettario riduzione contributi Artigiani e Commercianti.

Le sottolineiamo che se, parallelamente all’attività in partita Iva svolge lavoro dipendente full-time, sarà esonerata dal versamento dei contributi: questo vuol dire che verserà unicamente imposta sostitutiva e diritto camerale.

Aprendo lei la partita Iva, andrebbe a svolgere lavoro autonomo: questo vuol dire che non sarebbe soggetta ad un altro lavoro dipendente, in quanto appunto la partita Iva descrive e qualifica un lavoro autonomo.

L’aspetto giuridico della non concorrenza al datore di lavoro è materia legale, ambito nel quale non possiamo fornire assistenza in quanto trascende da quello fiscale: a tal proposito, per controllare di non fare concorrenza al suo datore di lavoro aprendo la partita Iva, le possiamo suggerire di rivolgersi ad un consulente del lavoro.

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Marilisa di FlexTax

Marilisa di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Facebook

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.