Domande e Risposte

Come faccio ad aprire P.I. come speaker radiofonico?

Vorrei aprire Partita Iva da speaker radiofonico. Cosa comporta?

Prima di spiegarle i passaggi da seguire per aprire Partita Iva come speaker, le ricordiamo che per adottare il Regime Forfettario per la sua Partita Iva, dovrà controllare per prima cosa di non ricadere in nessuna delle cause di esclusione che può trovare elencate qui:

Limiti regime forfettario

Il Codice Ateco per l’attività da lei descritta è il seguente:

  • 90.01.09 – Altre rappresentazioni artistiche
    che include:

    • rappresentazioni di concerti, di opere liriche o di balletti e di altre produzioni artistiche: attività di gruppi, circhi o di compagnie, di orchestre o di complessi musicali, attività di artisti individuali quali ballerini, musicisti, cantanti, disk-jockey, conferenzieri o oratori, modelle, controfigure

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Tale Codice Ateco prevede un coefficiente di redditività del 67%: questo va applicato ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile su cui calcolare imposta e contributi da versare.

L’imposta sostitutiva è del 15%, con la possibilità di applicare la riduzione al 5% per i primi 5 anni di attività se ne rispetta le condizioni:

Regime forfettario imposta sostitutiva 5 %

Dovrà effettuare infine il versamento dei contributi:

  • alla Gestione ex-Enpals se  fattura nei confronti di associazioni dello spettacolo, discoteche, teatri, ecc.
  • alla Gestione Separata per il 26,07% del suo reddito per le fatture emesse nei confronti di privati.

3 commenti su “Come faccio ad aprire P.I. come speaker radiofonico?”

  1. Avatar claudio anastasio
    claudio anastasio

    Buonasera, quando parla di privato cosa intende per privato con codice fiscale o una società con partita iva? al fine di determinare il pagamento della contribuzione sia essa all’exenapl o alla gestione separata?

      1. Avatar claudio anastasio
        claudio anastasio

        Grazie per la conferma alla sua info, quindi nella maggior parte dei casi, dovrò fatturare a clienti con partita iva, dove al mio compenso dovrò detrarre la quota del 9,19 % relativo alla quota ex enpals, che il mio committente dovrà versare, giusto? Quando però effettuerò la dichiarazione dei redditi, essendo iscritto alla gestione separata, non dovrò anche calcolare circa il 27% per il versamento alla gestione separata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI