Come aprire Partita Iva per Youtuber

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Come aprire Partita Iva per Youtuber

Come fare per aprire Partita Iva per Youtuber

Come aprire Partita Iva per Youtuber? Vediamo i passaggi importanti da seguire:

• Scegliere il Codice Ateco per la tua Partita Iva, ovvero il:

73.11.02 – Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari

Che include:

– conduzione di campagne pubblicitarie: collocazione di pubblicità in giornali, periodici, radio, televisioni, internet ed altri mezzi di comunicazione
– conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari mirati ad attirare e ad assicurare la fedeltà dei clienti
– promozione dei prodotti
– realizzazione di pubblicità aerea
– distribuzione o consegna di materiale pubblicitario o di campioni
– consulenza sulla disposizione dei prodotti all’interno del punto vendita
– realizzazione di pubblicità postale

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

• Iscriverti in Camera di Commercio

• Iscriverti alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps

 

Dovrai inoltre scegliere il Regime Fiscale più adatto a te e ai tuoi potenziali ricavi.

Potrai scegliere tra uno dei seguenti regimi fiscali.

 

Regime Forfettario

Avrai numerosi vantaggi tra cui:

• un’unica imposta del 5% (rispettando precise condizioni) o del 15%;

• spese determinate forfettariamente in base al coefficiente di redditività associato al tuo Codice Ateco, che per te che sei uno Youtuber è del 78%;

• nessun obbligo di inviare lo spesometro;

• non applicazione dell’Iva in fattura ma soltanto un’imposta di bollo di 2 euro nel caso le tue fatture superino i 77,47 euro di importo.

Per poter adottare il Forfettario è però necessario rispettare specifici requisiti.

Regime Semplificato

Non dovrai superare i 500.000 euro di ricavi all’anno e 800.000 euro per tutte le altre attività.

Inoltre dovrai:

• versare l’Irpef a scaglioni, la cui prima aliquota è del 23%;
• versare addizionali regionali e comunali;
• dichiarare l’Iva;
• inviare lo spesometro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI