Come aprire Partita Iva per truccatore

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Come aprire Partita Iva per truccatore

Aprire Partita Iva per truccatore: come fare?

Sei un truccatore e vuoi aprire partita iva? Vediamo come aprire Partita Iva per truccatore.

Questi sono i passaggi importanti da seguire:

• Controllare di rispettare i requisiti professionali richiesti per svolgere tale attività

• Scegliere il seguente Codice Ateco per la tua Partita Iva: 96.02.02 Servizi degli Istituti di bellezza

• Iscriverti in Camera di Commercio come artigiano

• Iscriverti alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps

• Se richiesta, presentare la Scia, Segnalazione certificata di inizio attività, al comune in cui ha sede la Partita Iva

• Iscriverti all’Inail

Dovrai inoltre scegliere il Regime Fiscale più adatto a te e ai tuoi potenziali ricavi

Potrai scegliere tra i seguenti regimi fiscali: regime forfettario e Regime ordinario semplificato.

 

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Il Regime Forfettario presenta numerosi vantaggi tra cui:

• un’unica imposta del 5% o del 15%;

• spese determinate forfettariamente in base al coefficiente di redditività associato al tuo Codice Ateco, che per te che sei un truccatore è del 67%;

• nessun obbligo di inviare lo spesometro;

• non applicazione dell’Iva in fattura ma soltanto un’imposta di bollo di 2 euro nel caso le tue fatture superino i 77,47 euro di importo.

Per poter adottare il Forfettario è però necessario rispettare specifici requisiti.

Regime Semplificato, per il quale non bisogna superare i 500.000 euro di ricavi all’anno.

Inoltre è necessario registrare:

• beni ammortizzabili
• incassi e pagamenti
• fatture di vendita e di acquisto

Inoltre dovrai:

• versare l’Irpef a scaglioni, la cui prima aliquota è del 23%;
• versare addizionali addizionali regionali e comunali;
• dichiarare l’Iva;
• emettere obbligatoriamente fatture elettroniche;
• inviare lo spesometro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI