Domande e Risposte

Come aprire Partita Iva per la vendita di prodotti online?

Vorrei sapere come fare per aprire P. IVA in regime forfettario per vendita di prodotti online, congiuntamente al mio attuale contratto a tempo indeterminato di dipendente per un’azienda privata.

Come aprire Partita Iva per la vendita di prodotti online? Prima rispondere a questa domanda, le ricordiamo che per adottare il Regime forfettario, dovrà innanzitutto verificare di rispettare tutti i requisiti richiesti:

Limiti forfettario.

L’attività di e-commerce prevede che alla base vi sia una compravendita: si acquista un bene nuovo e lo si rivende senza apportarvi modifiche.

Se il bene che desidera vendere online è di fattura artigianale dunque direttamente da lei prodotto, allora non potrà adottare il codice Ateco dell’e-commerce, ma dovrà fare riferimento al codice Ateco che meglio identifica la sua particolare attività artigianale.

Per l’attività di e-commerce, il codice Ateco che dovrà adottare è il seguente:

  • 47.91.10 – “Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet”.

che  include:

  • vendita effettuata tramite aste su internet
  • Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

Il Regime forfettario prevede che il reddito imponibile (ovvero la base su cui vengono calcolati imposta e contributi) si ottenga applicando ai ricavi un coefficiente di redditività. Il coefficiente di redditività è una percentuale associata al codice Ateco.

Nel caso del codice Ateco 47.91.10, il coefficiente di redditività è del 40%: ciò significa che il 40% dei suoi ricavi saranno soggetti ad imposta e contributi, il restante 60% le verrà riconosciuto come “spesa forfettaria”.

Dovrà inoltre iscriversi come Commerciante in Camera di Commercio e versare i contributi alla Gestione artigiani e commercianti Inps, secondo questo schema:

  • per il reddito compreso tra 0 euro e 18.415 euro: verserà contributi fissi di 4.515,43 euro
  • superato il reddito minimale di 18.415 euro: oltre ai contributi fissi, li verserà anche in percentuale al 24,48%.

Se contestualmente all’attività in Partita Iva svolge anche un lavoro da dipendente, allora sarà esonerato dal versamento dei contributi.

In questo caso, se adotterà il forfettario, in quanto iscritto alla Gestione artigiani e commercianti INPS, potrà beneficiare della riduzione del 35% dei contributi:

Riduzione contributi artigiani e commercianti.

Adottando il forfettario, oltre ad eventuali contributi (vista la futura convivenza tra attività in partita iva e lavoro dipendente), dovrà versare l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività, se rispetterà i tre requisiti richiesti:

Imposta sostitutiva al 5%.

Per poter svolgere attività di e-commerce dovrà presentare la SCIA al Comune (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI