Domande e Risposte

Come aprire Partita Iva per la creazione di contenuti online e per gestire l’affitto di un appartamento?

vorrei aprire una Partita iva. Le mie due fonti di reddito sono creazione di contenuti online e, in minima parte, reddito da affitto di appartamento.

Come aprire Partita Iva per creare contenuti online e da affittacamere?

Innanzitutto, le ricordiamo che per poter adottare il Regime forfettario è necessario essere in possesso di tutti i requisiti richiesti:

 

Limiti forfettario.

 

La scelta del codice Ateco dipende dal tipo di attività che effettivamente svolge; potrà utilizzare uno dei codici Ateco che illustreremo di seguito.

Se attraverso i suoi contenuti effettua attività di promozione

  • 73.11.02 – Conduzione di campagne di marketing e altri servizi pubblicitari

che include:

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

  • conduzione di campagne pubblicitarie: collocazione di pubblicità in giornali, periodici, radio, televisioni, internet ed altri mezzi di comunicazione;
  • conduzione di campagne di marketing ed altri servizi pubblicitari mirati ad attirare e ad assicurare la fedeltà dei clienti;
  • promozione dei prodotti;
  • realizzazione di pubblicità aerea;
  • distribuzione o consegna di materiale pubblicitario o di campioni;
  • consulenza sulla disposizione dei prodotti all’interno del punto vendita;
  • realizzazione di pubblicità postale.

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 78%.

É prevista l’iscrizione in Camera di Commercio e il versamento dei contributi alla Gestione artigiani e commercianti Inps, secondo il seguente schema:

  • per il reddito compreso tra 0 euro e 18.415 euro: verserà contributi fissi di 4.515,43 euro
  • superato il reddito minimale di 18.415 euro: oltre ai contributi fissi, li verserà anche in percentuale al 24% circa.

Se adotterà il forfettario, in quanto iscritto alla Gestione artigiani e commercianti INPS, potrà beneficiare della riduzione del 35% dei contributi:

Riduzione contributi artigiani e commercianti.

 

Adottando il forfettario, dovrà versare l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività, se rispetterà i tre requisiti richiesti:

Imposta sostitutiva al 5%.

 

Se crea video e svolge attività di streamer

  • 59.11.00 – Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi

che include:

  • produzione di film, video, programmi televisivi (serie televisive, documentari eccetera) o spot pubblicitari per la TV

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 67%; richiede l’iscrizione in Camera di Commercio, il versamento dei contributi alla Gestione artigiani e commercianti Inps, come sopra indicato, oltre all’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività.

Se crea video con scopo formativo

  • 85.59.20 – Corsi di formazione e corsi di aggiornamento professionale

che include:

  • corsi di formazione in informatica;
  • corsi di formazione per chef, albergatori e ristoratori;
  • corsi di formazione per estetiste e parrucchieri;
  • corsi di formazione per riparazione di computer;
  • corsi di primo soccorso, antincendio, rls, rspp.

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 78%.

Adottando tale codice Ateco potrà inquadrarsi come libero professionista e versare i contributi alla Gestione Separata Inps, al 26,07%. Anche in questo caso è previsto il versamento dell’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività.

 

Se non ha trovato collocazione nelle precedenti classificazioni in quanto la sua attività ha puro scopo di intrattenimento

  • 96.09.09 – Altre attività di servizi per la persona nca

che include:

  • attività di astrologi e spiritisti;
  • servizi di ricerca genealogica;
  • servizi di lustrascarpe, addetti al parcheggio di automobili eccetera;
  • gestione di macchine a moneta per servizi alla persona (cabine per fototessera, bilance pesapersone, macchine per misurare la pressione del sangue, armadietti a chiave funzionanti a moneta);
  • assistenza bagnanti (bagnini);
  • servizi domestici svolti da lavoratori autonomi.

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 67%; potrà inquadrarsi come libero professionista e versare i contributi alla Gestione Separata Inps, come indicato nel punto precedente, oltre all’imposta sostitutiva se adotta il Regime forfettario.

 

Reddito da affitto di appartamento

L’attività svolta può essere classificata come quella di affittacamere se:

  • l’immobile utilizzato per l’attività è di proprietà, si ha in comodato o si è locatari con possibilità di sub-affitto.
  • si offrono servizi aggiuntivi (ad esempio cambio lenzuola durante il soggiorno dell’ospite, colazione, ecc.) in quanto se l’attività svolta è di mera locazione, il reddito conseguito è un reddito fondiario e non può configurarsi come reddito di impresa.

Se deciderà di svolgere l’attività di affitti brevi (meno di 30 giorni) in Partita Iva, potrà utilizzare il codice Ateco

  • 55.20.51 – Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence

che include:

  • fornitura di alloggio di breve durata presso: chalet, villette e appartamenti o bungalow per vacanze;
  • cottage senza servizi di pulizia.

Al suddetto codice Ateco è associato un coefficiente di redditività pari al 40%.

L’attività di affittacamere prevede:

  • l’iscrizione in Camera di Commercio versando il diritto camerale annuale di 53 € più, in fase di apertura, diritti e bolli di segreteria
  • presentazione della SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) al suo Comune.
  • iscrizione alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps a cui verserà i contributi.

Se rispetterà tutti i requisiti per adottare il forfettario:

  • verserà l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% se rispetterà i requisiti: imposta sostitutiva al 5%
  • per quanto riguarda l’attività di affittacamere è prevista un’agevolazione in riferimento ai contributi: sarà esonerato dal versamento dei contributi fissi, dovrà versare i contributi in percentuale al 24,48%, sul reddito imponibile.
    In quanto iscritto alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, potrà richiedere una riduzione del 35% sui contributiRegime forfettario riduzione contributi artigiani e commercianti
  • il reddito imponibile (la base su cui verranno calcolati imposte e contributi) si ottiene applicando ai ricavi un coefficiente di redditività (percentuale associata al codice Ateco che, nel caso dell’attività di affittacamere è del 40%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *