Come aggiungere codice ATECO

Partita Iva con differenti codici ATECO

Se hai intenzione di aprire una nuova Partita Iva o possiedi già una Partita Iva ma vorresti ampliare il raggio d’azione di tale attività, questo articolo ha l’obiettivo di farti capire come aggiungere un codice ATECO all’interno della tua Partita Iva.

Come avrai già capito, quindi, è possibile indicare anche più di un codice ATECO all’interno del modulo di inizio attività da consegnare all’Agenzia delle Entrate.

Se invece possiedi già una Partita Iva e desideri aggiungere un ulteriore codice ATECO, dovrai solamente comunicare il nuovo codice ATECO all’Agenzia delle Entrate tramite apposito modello (AA9/12).

N.B.: nel caso in cui tu aggiunga un codice ATECO per il quale è richiesta la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), dovrai provvedere a richiederla al tuo Comune di riferimento nei 30 giorni successivi all’inizio della nuova attività.

Aggiungere codice ATECO in Regime forfettario

Se rientri nel Regime forfettario e hai intenzione di aggiungere un ulteriore codice ATECO per la tua attività professionale, come già abbiamo avuto modo di affermare non ci sono particolari problemi.

Bisogna però distinguere due casi:


  • Aggiunta di un Codice ATECO appartenente allo stesso settore dell’attività già presente: sarà necessario sommare i ricavi derivanti dalle due attività ed applicare il corrispondente coefficiente di redditività;
  • Aggiunta di un codice ATECO di un settore diverso rispetto all’attività già presente: dovrai applicare alle due differenti attività, il coefficiente di redditività previsto per ciascuna.

Ora andremo a fare due esempi concreti per permetterti di capire meglio queste due casistiche appena elencate.

Stesso settore dell’attività già presente

Se ad esempio possiedi una Partita Iva con cui svolgi attività di catering e successivamente decidi di aprire un hotel, siccome queste due attività hanno lo stesso coefficiente di redditività, dovrai solamente applicare il coefficiente di redditività di riferimento alla somma dei ricavi derivanti dalle due attività e successivamente calcolare l’imposta sostitutiva.

Esempio

Attività primaria: Catering

Attività secondaria: Hotel

Ricavi derivanti dall’attività primaria: 35.000 euro

Ricavi derivanti dall’attività secondaria: 15.000 euro

Coefficiente di redditività (per entrambe le attività): 40%

Ricavi totali: 50.000 euro (35.000 + 15.000)

Reddito imponibile: 20.000 euro (50.000 X 40%)

Imposta sostitutiva al 15%: 3.000 euro (15% di 20.000)

Settore differente rispetto all’attività già presente

Se possiedi una Partita Iva per svolgere attività di consulenza informatica e successivamente decidi di intraprendere un’attività di commercio al dettaglio di computer, siccome queste due attività possiedono coefficienti di redditività differenti, dovrai applicare alle due attività il coefficiente di redditività previsto per ciascuna.

Esempio

Attività primaria: Consulenza informatica (67% di coefficiente di redditività)

Attività secondaria: Commercio al dettaglio di computer (40% di coefficiente di redditività)

Ricavi derivanti dall’attività primaria: 45.000

Ricavi derivanti dall’attività secondaria: 10.000

Dovrai applicare il coefficiente di redditività previsto per l’attività primaria ai ricavi conseguiti dall’attività primaria, e conseguentemente dovrai applicare il coefficiente di redditività previsto per l’attività secondaria all’ammontare di ricavi dell’attività secondaria, quindi:

Reddito imponibile attività primaria: 30.150 euro (67% di 45.000)

Reddito imponibile attività secondaria: 4.000 euro (40% di 10.000)

In questo esempio, quindi, dovrai pagare 4.522,50 euro (15% di 30.150) a titolo di imposta sostitutiva per l’attività di consulenza e 600 euro (15% di 4.000) a titolo di imposta sostitutiva per l’attività di commercio al dettaglio di computer.

N.B: anche nel caso in cui tu abbia previsto più di un codice ATECO per la tua Partita Iva, il limite di ricavi che dovrai rispettare per rientrare nel Regime forfettario sarà comunque di 65.000 euro di ricavi conseguiti nell’anno precedente.

Aggiungere codice ATECO: contributi

Se aggiungi un codice ATECO nella tua Partita Iva, svolgendo quindi una doppia attività con stessa Partita Iva, non dovrai iscriverti a due gestioni previdenziali contemporaneamente (pagando quindi doppi contributi).

Sarai tenuto ad iscriverti solamente alla gestione previdenziale di riferimento per l’attività prevalente.

Tuttavia, quando svolgi contemporaneamente un’attività imprenditoriale che prevede l’iscrizione obbligatoria alla Gestione INPS artigiani e commercianti ed una libera professione senza cassa previdenziale specifica (soggetta all’iscrizione alla Gestione Separata), sarai obbligato a versare la doppia contribuzione.

Qualora invece svolgi attività di libero professionista iscritto ad una cassa previdenziale dedicata, dovrai consultare il regolamento della tua cassa di appartenenza.

Aggiungere codice ATECO: Flex Tax

Se deciderai di affidarti al commercialista online di Flex Tax, dell’aggiunta di un nuovo codice ATECO per la tua Partita Iva ce ne occuperemo noi.

Con i nostri servizi dedicati, potrai infatti scegliere quello che fa al caso tuo!

Se hai bisogno di informazioni riguardanti il Regime forfettario o la procedura per aggiungere un nuovo codice ATECO, i nostri professionisti potranno fornirti le informazioni di cui hai bisogno.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (23 votes, average: 4,70 out of 5)
Loading...

 

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (23 votes, average: 4,70 out of 5)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Questo articolo ha 5 commenti.

  1. Avatar
    Alessandra

    Molto chiaro ed esaustivo!

  2. Avatar
    alessandro

    grazie utilissimo

  3. Avatar
    Francesco

    Ottima delucidazione,

    1. Avatar
      Marina

      Grazie mille per le spiegazioni anche se io possedendo il 561011 ristorazione con somministrazione e vorrei vendere anche alimenti confezionati ad esempio pasta farina prosc confez.
      Non mi è ancora chiaro se già lo posso fare o se ho necessità di aggiungere un altro codice e se si quale….

      1. Elisa di FlexTax
        Elisa di FlexTax

        Buongiorno Marina,

        Se ha piacere di ricevere assistenza specifica, le consigliamo di iscriversi alla nostra piattaforma.

        Tramite ticket potrà effettuare le sue domande e avere così assistenza fiscale.
        Se ha piacere invece di ricevere assistenza sul funzionamento dei nostri servizi, potrà prenotare la sua chiamata gratuita.

        Per iscriversi gratuitamente alla nostra piattaforma può andare in questa pagina: Creazione Account – FlexSuite

        La ringraziamo e le auguriamo buona giornata!

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva