Codice Ateco per traslocatori

Professioni

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Il codice Ateco per traslocatori è 49.42.00Servizi di trasloco che comprende:

– servizi di trasloco per imprese o famiglie effettuati tramite trasporto su strada, incluse le operazioni di smontaggio e rimontaggio di mobilia

Codice Ateco per traslocatori: imposta e contributi

Il coefficiente di redditività è indispensabile nel Regime Forfettario, in quanto ha una funzione molto importante: applicandolo ai ricavi, infatti,  si determinerà il reddito imponibile.

Adottando il Regime Forfettario sarai soggetto al versamento di un’unica imposta al con aliquota al 15%, che potrà essere ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività se saranno rispettate alcune condizioni:

Regime forfettario imposta sostitutiva 5%.

In qualità di traslocatore, dovrai iscriverti alla Gestione Commercianti Inps, che prevede il versamento di contributi fissi di 4.427,04 euro per il reddito compreso tra 0 euro e 18.415 euro. Superato il reddito minimale di 18.415 euro, oltre ai contributi fissi, li verserai anche in percentuale al 24%.

Esempio di calcolo di imposta e contributi

In questo paragrafo provvederemo a fare un esempio di calcolo su come vengono conteggiati il reddito imponibile e l’imposta sostitutiva nel Regime Forfettario con il Codice Ateco per traslocatori.
Supponiamo che un traslocatore in Regime Forfettario abbia conseguito 15.000 euro di ricavi:

Ricavi: 15.000 €

Coefficiente di Redditività: 67%

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Reddito Imponibile: 10.050 € (15.000 € x 67%)

Imposta sostitutiva: 1.507,50€ (10.050 € x 15%)

Contributi fissi: 4.427,04€

Contributi in percentuale: 0€, siccome il reddito imponibile è inferiore a 18.415€, il reddito minimale.

N.B.: Per semplicità, nell’esempio abbiamo ipotizzato che nell’anno di riferimento non siano stati versati contributi obbligatori. In caso contrario essi si sarebbero dovuti dedurre dal reddito imponibile per il calcolo dell’imposta sostitutiva.

Siamo arrivati alla fine di questo articolo, in cui speriamo di aver risolto i tuoi dubbi.

Se vuoi saperne di più, iscriviti gratis a FlexTax e contatta la nostra assistenza: saremo lieti di aiutarti!

Hai ancora dei dubbi? Leggi cosa dicono di noi su Trustpilot in più di 1.000 recensioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *