Codice Ateco per Scultore

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Codice Ateco per Scultore

Sei uno scultore che sta pensando di avviare la propria attività autonoma in Partita Iva?

Una delle prime cose che devi fare, è scegliere il corretto codice Ateco da adottare per la tua Partita Iva, ovvero un codice numerico che andrà a descriverla.

Il Codice Ateco da utilizzare per inquadrare la tua attività è il seguente:

  • 90.03.09 Altre creazioni artistiche e letterarie

che include:

-attività di artisti individuali quali scultori, pittori, cartonisti, incisori, acquafortisti, aerografisti eccetera;
-consulenza per l’allestimento di mostre di opere d’arte;
-attività di scrittori individuali, che trattano qualsiasi argomento, inclusi gli scrittori di romanzi, di saggi eccetera;
-stesura di manuali tecnici.

Ad ogni Codice Ateco, in Regime Forfettario è associato un coefficiente di redditività, che per la tua attività è del 67%. Questo dato prende molto valore nel Regime forfettario, perché è proprio questa percentuale che, applicata agli incassi percepiti, ci definisce la base imponibile su cui calcolare imposta e contributi dovuti.

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

Ti facciamo un esempio: ipotizzando di aver percepito 10.000 euro di incassi in Partita Iva, imposta e contributi verranno calcolati sul 67% dei tuoi ricavi, quindi su 6.700 euro. La restante parte del coefficiente di redditività ti fornisce invece la percentuale dei tuoi incassi che non sarà tassata, ma considerata spesa forfettaria da te sostenuta.

Il Regime forfettario e l’imposta sostitutiva

Per adottare il Regime forfettario dovrai rispettare tutti i requisiti richiesti, e a tal proposito ti consigliamo la lettura del seguente articolo:

Limiti del Regime forfettario

Se potrai adottare il suddetto regime fiscale, è previsto il versamento di un’unica imposta in sostituzione a tutte quelle solitamente versate negli altri regimi fiscali.
Tale imposta prevede il versamento di un’aliquota del 15%, che può essere ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività se ne vengono rispettati i requisiti richiesti.

Riprendendo l’esempio fatto in precedenza, il calcolo per il versamento dell’imposta sarà il seguente:

10.000 di ricavi x 67% coefficiente di redditività = 6.700 euro di reddito imponibile
6.700 euro x 5% = 335 euro di imposta sostitutiva da versare

335 euro risulta dunque essere l’imposta dovuta su un ricavo percepito di 10.000 euro.

Il Regime Ordinario Semplificato

Se non adotterai il Regime forfettario, dovrai optare per il Regime Ordinario Semplificato.
Considerando che in questo regime fiscale sono previsti diversi adempimenti fiscali a cui sarai soggetto, ti consigliamo la lettura dell’articolo dedicato, in cui troverai il dettaglio delle imposte da versare.

Contabilità Semplificata

In Ordinario semplificato, sul reddito imponibile (ricavi – costi sostenuti legati all’attività) verserai l’Irpef, secondo il classico meccanismo a scaglioni e addizionali regionali e comunali.

I contributi per scultori

L’attività di scultore prevede l’iscrizione in Camera di Commercio, alla quale si deve versare il diritto Camerale annuale (con un prezzo che oscilla tra i 50€ e i 100€ a seconda della Camera di Commercio), e verserai i contributi alla Gestione Artigiani Inps secondo il seguente schema:

  • per un reddito compreso tra 0€ e 17.504€, verserai contributi fissi pari a 4.208,40€;
  • superato il reddito minimale di 17.504€, oltre ai fissi, li verserai anche in percentuale al 24% sull’eccedenza.

Se applicherai il regime Forfettario, potrai ottenere un altro importante vantaggio, ovvero potrai inviare all’Inps la richiesta per poter versare i contributi Inps ridotti del 35%.
Invece, se crei sculture diverse tra loro, potrai qualificarti come libero professionista, in quanto l’aspetto artistico prevarrà.

In questo caso, non sarai soggetto a costi fissi, bensì verserai i contributi alla Gestione Separata Inps per il 26,23%.
Ti ricordiamo che se svolgi un contestuale lavoro dipendente e ti inquadri come Professionista, i contributi dovuti alla Gestione Separata Inps saranno ridotti al 24%.

Se hai piacere di ricevere informazioni più dettagliate sulla tua specifica situazione, potrai contattare gratis la nostra assistenza: ti basterà iscriverti gratuitamente sul nostro portale FlexSuite e aprire un ticket fiscale.

La consulenza FlexTax è a tua disposizione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI