Codice Ateco per l’attività di informatico

Se sei un informatico e vuoi aprire la Partita Iva per lo svolgimento della tua attività, avrai bisogno di individuare il corretto Codice Ateco che corrisponda esattamente all’attività da te svolta.

I codici Ateco previsti per gli informatici sono molteplici, dovrai scegliere quello più idoneo alle specifiche attività che andrai a svolgere nel settore.

Inoltre, a seconda della classificazione della tua attività cambierà anche il suo trattamento contributivo, ovvero in alcuni casi dovrai versare i contributi alla Gestione Separata ed in altri alla Gestione Artigiani e Commercianti.

Nel prossimo paragrafo ti illustreremo i Codici Ateco tra i quali potrai individuare l’attività che andrai ad esercitare.

Codice Ateco per informatici

I Codici Ateco per informatici sono:

  • 62.02.00 – Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica.

Tale Codice Ateco comprende le attività di:

– consulenza su hardware, software e altre tecnologie dell’informazione: analisi dei bisogni e dei problemi degli utenti, consulenza sulla migliore soluzione.

– pianificazione e progettazione di sistemi informatici che integrano l’hardware dei computer, il software e le tecnologie della comunicazione.

  • 62.09.01 Configurazione di personal computer.
  • 62.09.09 Altre attività dei servizi connessi alle tecnologie dell’informatica nca.

Tale Codice Ateco comprende le attività di:

– recupero dati da computer danneggiati.

– installazione di software non connessa con la produzione e la consulenza.

  • 62.01.00 Produzione di software non connesso all’edizione.

Tale Codice Ateco comprende le attività di:

– progettazione della struttura e dei contenuti e/o la compilazione dei codici informatici necessari per la creazione e implementazione di: software di sistema (inclusi gli aggiornamenti), applicazione di software (inclusi gli aggiornamenti), database, pagine web.

– personalizzazione di software, esempio modificando e configurando un’applicazione esistente in modo che essa sia funzionale all’ambiente del sistema informativo dei clienti.

Tutti i Codici Ateco sopra riportati prevedono un coefficiente di redditività del 67%.

Commercialista online

Regime forfettario per informatici

Se hai aperto una Partita Iva e lavori come informatico, devi sapere che esiste un particolare regime fiscale a cui puoi aderire, che ti permette di avere vantaggi sotto il profilo contabile e fiscale, ovvero il Regime Forfettario.

Per aderire a tale Regime, è necessario non aver superato il limite di ricavi di € 65.000 nell’anno precedente e non rientrare in nessuna delle cause di esclusione.

Il regime forfettario prevede per coloro che vi aderiscono il pagamento di un’unica imposta, definita imposta sostitutiva.

L’imposta sostitutiva è di aliquota al 15% ma può essere ridotta per i primi 5 anni di attività al 5% se sei in possesso di particolari requisiti.

Scopri di più sul Regime forfettario per informatici.

Codice Ateco per informatici: Contribuzione

L’attività di informatico può essere svolta in due modalità:

  • Libero Professionista – se effettui un’attività di tipo professionale ad esempio se offri consulenza informatica.

In questo caso sarai soggetto all’iscrizione alla Gestione Separata.

  • Artigiano – se effettui un’attività artigianale, un esempio può essere la produzione di software per i tuoi clienti o la loro personalizzazione.

Se rientri in questa casistica, dovrai obbligatoriamente iscriverti in Camera di Commercio e versare i contributi alla Gestione Artigiani.

Mentre la Gestione Separata non prevede il versamento di alcun contributo fisso ma solo la percentuale del 25,72% sul reddito, la Gestione Artigiani prevede un contributo fisso minimo annuale di circa € 3.800 anche nel caso in cui siano prodotti ricavi per € 0,00.

Gestione Artigiani vs Gestione Separata

Di seguito ti faremo un esempio della differenza di contribuzione che si presenta a seconda che la tua attività si classifichi come libero professionale o artigianale.

 Libero professionista

Ricavi: 20.000 euro
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile netto: 13.400
Imposta sostitutiva 15%: 2.010 euro (13.400 x 15%)
Contributi da versare alla Gestione Separata: € 3.446,48 (13.400 x 24%)

In sintesi, avendo ricavi per 20.000 euro, pagherai tra imposta e contributi circa € 5.456,48.

Artigiano

Ricavi: € 20.000
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile: € 13.400
Imposta sostitutiva 15%: € 2.010 euro (13.400 x 15%)
Contributi fissi sul reddito minimale (15.878): circa € 3.800
Contributi sul reddito eccedente il minimale: € 0 (13.400 è minore del reddito minimale di € 15.878).

In sostanza, con ricavi di 20.000 euro, pagherai tra imposta sostitutiva e contributi, circa € 5.810.

NB: Nell’esempio abbiamo omesso la deduzione dal reddito imponibile dei contributi obbligatori versati nell’anno.

Codice Ateco per informatici con Flex Tax

Se vuoi intraprendere l’attività di informatico e aprire la tua Partita Iva, con il nostro servizio Flex Tax ti offriamo due differenti soluzioni a seconda dell’attività che andrai a svolgere:

Se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardanti il Regime forfettario o la Flat Tax 2020, puoi richiedere assistenza ai nostri esperti.

Quanto è stato utile questo articolo? Vota. 

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (9 voti, media: 4,78 su 5)

Loading...

Risposta alle domande più frequenti sul Regime forfettario:

Regime forfettario programmatori

Regime forfettario Gestione Separata

Regime forfettario Artigiani

Riduzione 35% Contributi Inps

Guida Regime forfettario

Aliquote INPS 2019