Codice Ateco per giornalisti

Giornalisti: il Codice Ateco

Per poter svolgere la professione di giornalista in Partita Iva, devi adottare un Codice Ateco che identifichi la tua attività.

Il Codice Ateco è una sequenza alfanumerica che classifica l’attività che svolgi in Partita Iva, ed è diverso per ciascun lavoro si scelga di effettuare.

Per te che sei un giornalista, il Codice Ateco da adottare è il seguente:

  • 90.03.01 – Attività dei giornalisti indipendenti

Regime Forfettario per giornalisti

Se decidi di aprire la tua Partita Iva per l’attività di giornalista, il Regime Forfettario potrebbe essere il Regime fiscale più adatto a te, in quanto ti riserverebbe numerosi vantaggi, tra cui:

  • Esonero dalla fatturazione elettronica
  • Non applicazione dell’Iva in fattura
  • Una sola imposta, l’imposta sostitutiva

Nel Regime Forfettario, a ciascun Codice Ateco è inoltre associato un coefficiente di redditività, il quale va applicato ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile: è su quest’ultimo che vengono applicate le percentuali di imposta e contributi da versare.

Il coefficiente di redditività acquista un’importanza fondamentale proprio per il motivo appena descritto.


Il coefficiente di redditività associato al Codice Ateco per l’attività di giornalista è del 67%: questo vuol dire che il 67% dei tuoi ricavi formerà la base imponibile sui cui verserai imposta e contributi, mentre il 33% ne sarà escluso e considerato spesa forfettaria da te sostenuta per lo svolgimento della tua attività.

Codice Ateco per giornalisti: contributi

Dopo aver aperto la tua Partita Iva, dovrai iscriverti all’INPGI, la Cassa previdenziale per chi svolge l’attività di giornalista, a cui versare i contributi in base al tuo reddito imponibile.

I contributi che dovrai versare si dividono in:

  • Soggettivi: ammontano al 10% del tuo reddito netto
  • Integrativi: ammontano al 2% dei tuoi compensi lordi
  • Di maternità: 10 euro, che devono versare sia gli uomini che le donne
  • Aggiuntivo: il versamento di questo contributo è a tua discrezione, è volontario e non obbligatorio

Per qualsiasi approfondimento e aggiornamento, ti consigliamo di andare a visitare direttamente il sito dell’INPGI.

Codice Ateco per giornalisti in Regime Forfettario: imposta

Il Regime Forfettario prevede un’unica imposta, l’imposta sostitutiva del 15% del tuo reddito imponibile netto: questo si ottiene andando a sottrarre dal reddito imponibile lordo (ricavi x coefficiente di redditività del 67%) i contributi obbligatori che hai versato nell’anno.

Se rispetti determinati requisiti, potrai però applicare la riduzione dell’aliquota di imposta al 5% per i primi 5 anni di attività.

Ti facciamo ora un esempio dell’imposta che dovrai versare, supponendo tu abbia ricavato alla fine dell’anno dalla tua attività di giornalista 20.000 euro e che abbia versato 3.000 euro di contributi obbligatori.

Esempio

Ricavi: 20.000 euro
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile lordo: 13.400 euro (20.000 x 67%)
Contributi obbligatori: 3.000 euro
Reddito imponibile netto: 10.400 euro (3.000 – 3.000)
Imposta sostitutiva del 15%: 1.560 euro (10.400 x 15%)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Elisa di FlexTax

Elisa di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva