Codice Ateco per Estetista

  • Codice Ateco
  • Professioni
Indice

Estetista: il Codice Ateco

Se sei un’estetista ed intendi intraprendere una carriera lavorativa autonoma ed abituale, dovrai aprire partita IVA. Per poter procedere con l’apertura della partita IVA è necessario che tu conosca il Codice Ateco che identifica la tua professione. Per le diverse attività che può effettuare un’estetista sono previsti i seguenti Codici:

  • 96.02.02 Servizi degli istituti di bellezza

che comprende attività di:

-servizi di estetista.
-trattamenti al viso e di bellezza, trucco, eccetera.

  • 96.02.03 Servizi di manicure e pedicure

Regime forfettario per Estetista

In seguito all’apertura della partita Iva, se rispetti i requisiti richiesti potrai applicare alla tua attività il Regime forfettario.

Il Regime Forfettario ti darà la possibilità di usufruire di vantaggi di tipo fiscale e contabile. Uno di questi vantaggi è ad esempio l’essere soggetti all’imposta sostitutiva, unica imposta prevista dal regime forfettario. L’imposta sostitutiva viene calcolata applicando un valore percentuale che è del 15% e può essere ridotto al 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano caratteristiche precise.

Per il calcolo dell’imposta sostitutiva è necessario individuare il coefficiente di redditività e a tal fine rifacciamo nuovamente riferimento al codice Ateco previsto per l’attività di estetista: per entrambi i Codici sopra citati il coefficiente di redditività risulta essere del 67%.

Codice Ateco per Estetista: Contribuzione

La professione di estetista è classificata come attività artigiana, e per questa ragione dovrai iscriverti alla Gestione Artigiani Inps.
Essendo iscritto alla Gestione Artigiani Inps avrai da versare contributi sia fissi che in percentuale al reddito prodotto, ovvero:

  • Contributi fissi sul minimale: pari a circa € 3.850. Questi sono sempre dovuti per redditi da € 0,00 a € 15.953;
  • Contributi eccedenti il minimale: oltre il contributo fisso di circa € 3.850, se si supera il reddito di € 15.953, sul reddito eccedente si dovranno contributi del 24%.

In quanto artigiano che adotta il regime Forfettario, avrai la possibilità di richiedere una riduzione dei contributi all’Inps del 35%.

Esempio calcolo imposta sostitutiva e contributi

Di seguito riportiamo un esempio di come vengono calcolati i contributi Inps e l’imposta sostitutiva.

Lucia è un’esperta estetista, che ha deciso di passare dal regime ordinario al regime forfettario. Nel corso del suo anno lavorativo ha conseguito ricavi per un ammontare di € 15.600.

Ricavi: € 40.000
Coefficiente di Redditività: 67%
Reddito Imponibile: € 26.800 (40.000 x 67%)
Imposta Sostitutiva: € 4.020 (26.800 x 15%)
Contributi fissi Inps: € 3.850
Contributi eccedenti il minimale: € 2.603,28 (26.800 – 15.953 = 10.847 x 24%)

NB: In questo articolo abbiamo ipotizzato che Lucia non abbia versato contributi obbligatori nell’anno, altrimenti avrebbe potuto sottrarli dal reddito imponibile per il calcolo dell’imposta sostitutiva.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto