Calcolo tasse ed esempi in Forfettario per programmatori

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Calcolo tasse ed esempi in Forfettario per programmatori

Programmatori: Calcolo tasse ed esempi in Forfettario

Quante tasse paga un programmatore in Forfettario? Entro quando deve pagarle?
In questo articolo ti mostreremo quali tasse deve pagare un programmatore in Forfettario ed entro quali date deve effettuare i versamenti dell’imposta sostitutiva e dei contributi previdenziali obbligatori.
Utilizzeremo degli esempi pratici, in modo che tu possa comprendere più facilmente il calcolo tasse ed esempi in Forfettario per programmatori.

Il calcolo dell’imposta sostitutiva avviene attraverso l’applicazione del coefficiente di redditività (che per i programmatori è pari al 67%) ai ricavi conseguiti lo scorso anno. In questo modo (ricavi x coefficiente di redditività) si giunge al reddito imponibile, che rappresenta il valore su cui agisce l’aliquota di imposta al 15% (o al 5%, se si rispettano determinate condizioni).

In realtà, prima di applicare l’imposta si possono dedurre i contributi obbligatori versati nell’anno, in modo da diminuire il valore del reddito. Per quanto riguarda i contributi, invece, considera che esistono due casistiche diverse a seconda che tu sia Artigiano/Commerciante oppure Libero Professionista:

  • Se sei Artigiano/Commerciante, allora versi i contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti – in questo caso la tua attività è quella di programmare in prima persona.
  • Se sei un Professionista, significa che versi i contributi alla Gestione Separata Inps – in questo caso la tua attività è quella di prestare consulenza sulla programmazione di software e applicazioni.

N.B: Ricorda che da Artigiano/Commerciante dovrai iscriverti alla Camera di Commercio, la quale prevede il pagamento del diritto camerale annuale.

Tasse per programmatori Artigiani/Commercianti

Calcola gratis le tasse da pagare e richiedi assistenza fiscale​

Inizia Gratis

I contributi obbligatori da versare alla Gestione Artigiani e Commercianti sono composti da:

  • Un contributo fisso di circa 4.200 euro fino ad un reddito minimale di 17.504,00 euro;
  • Contributi calcolati applicando il 24% circa sulla parte di reddito compresa tra 17.504,01 euro e 52.190 euro;
  • Contributi determinati con aliquota al 25% circa sulla parte di reddito tra 52.190,01 euro e 113.520 euro.

NB: € 113.520 è il reddito massimale, oltre il quale non si pagano più contributi. Per i lavoratori con anzianità contributiva decorrente dal 1° Gennaio 1996 il reddito massimale è pari 86.983,00 euro.
Inoltre, gli Artigiani/Commercianti possono richiedere la riduzione del 35% sui contributi Inps da versare.

L’imposta sostitutiva è del 15% o del 5% per i primi 5 anni di attività se si rispettano le condizioni richieste.

Esempio Tasse per programmatori Artigiani per redditi fino a € 15.878

Ricavi:€ 19.000
Coefficiente di redditività:67%
Reddito:€ 12.730 (19.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%: € 1.909,50 (12.730 x 15%)
Contributi fissi:€ 4.200 circa

Tasse per programmatori Artigiani per redditi oltre 17.504 fino a 52.190

Ricavi:€ 47.000
Coefficiente di redditività:67%
Reddito:€ 31.490 (47.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%:€ 4.723,50 (31.490 x 15%)
Contributi fissi (sul reddito minimale):€ 4.200 circa
Contributi oltre il reddito minimale:€ 3.356,64 (31.490 – 17.504 x 24%)

Tasse per programmatori Artigiani per redditi oltre 52.190 fino a 113.520

Ricavi: € 88.000
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito: € 58.960 (88.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%: € 8.844 (58.960 x 15%)
Contributi fissi (sul reddito minimale): € 4.200 circa
Contributi oltre il reddito minimale: € 7.113,36 (47.143 – 17.504 x 24%)
Contributi oltre € 52.190: € 1.692,50 (58.960 – 47.143 x 25%)

NB: con ricavi pari a € 88.000 si supererebbe il limite di € 85.000, quindi il prossimo anno non si potrebbe più adottare il Forfettario.

Esempio tasse per programmatori Professionisti Gestione Separata

I Professionisti versano, a titolo di contributi previdenziali, il 26,07% del reddito imponibile lordo alla Gestione Separata (non esiste contribuzione fissa come per gli Artigiani/Commercianti).

Esempio:

Ricavi: € 41.000
Coefficiente di redditività:67%
Reddito: € 27.470 (41.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%: € 4.120,50 (27.470 x 15%)
Contributi: € 7.161,42 (27.470 x 26,07%)

Fattura come programmatore

Dal 1° gennaio 2024, tutti i contribuenti hanno l’obbligo di fattura elettronica, tranne alcune eccezioni nel settore medico.

In ogni caso, devi indicare ai tuoi clienti che il tuo Regime di appartenenza è il Forfettario, riportando in fattura la seguente dicitura:
Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 e successive modificazioni”.

Inoltre, dato che sei esonerato dall’Iva e quindi non dovrai inserirla nelle fatture di vendita, dovrai assolvere all’imposta di bollo da 2 euro per le fatture superiori a 77,47 euro. Oltre ad applicare la marca da bollo in fattura, ricordati di aggiungere la seguente dicitura:
Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro”.

Se sei un Professionista, il Regime forfettario ti permette la non applicazione della ritenuta d’acconto. Questo significa che i tuoi clienti dovranno corrisporti l’intero importo della fattura senza trattenere il 20%.
Di conseguenza, in fattura devi riportare la seguente dicitura:
Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014 e successive modificazioni”.
I Professionisti iscritti alla Gestione Separata Inps hanno la possibilità di inserire in fattura la rivalsa del 4% Inps.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI