Calcolo tasse ed esempi in Forfettario per periti agrari

  • Calcolo tasse ed esempi
  • Professioni
Indice

Periti agrari in Forfettario: calcolo tasse ed esempi

Come perito agrario che aderisce al Regime Forfettario dovrai versare:

  • l’imposta sostitutiva con aliquota al 15% (o al 5% per determinati soggetti);
  • contributi previdenziali obbligatori da versare alla Fondazione ENPAIA.

In questo articolo ti mostreremo il calcolo delle tasse ed esempi in Forfettario per periti agrari.

Calcolo dell’imposta sostitutiva per periti agrari in Forfettario

Come calcolo l’imposta da versare all’Agenzia delle Entrate? Innanzitutto, applichi il coefficiente di redditività associato alla tua attività di perito agrario, che è del 78%, ai ricavi che hai conseguito lo scorso anno, determinando così il reddito imponibile lordo.

Da quest’ultimo puoi ancora dedurre i contributi previdenziali obbligatori versati nell’anno, ottenendo il reddito imponibile netto.

Sul reddito imponibile netto applichi l’imposta sostitutiva del 15% o del 5%.

Esempio:

Ricavi: 21.000 €
Coefficiente di redditività: 78%
Contributi obbligatori versati nell’anno in corso: 2.000
Reddito imponibile lordo: 16.380 € (21.000 x 78%)
Reddito imponibile netto: 14.380 € (16.380 – 2.000)
Imposta dovuta: 2.157 € (14.380 x 15%)

Calcolo dei contributi obbligatori per periti agrari in Forfettario

I periti agrari versano i contributi previdenziali obbligatori all’ENPAIA, l’Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura.

Dovrai fare riferimento alla disciplina interna dell’ENPAIA per sapere come vengono calcolati i contributi ed entro quando dovrai pagarli.

Fattura come perito agrario in Forfettario

Se decidi di adottare il Regime forfettario come perito agrario, non sarai obbligato ad emettere le tue fatture in formato elettronico: infatti,  mentre per chi aderisce al Regime ordinario la fatturazione elettronica è obbligatoria dal 1° Gennaio 2019, in Forfettario puoi scegliere se fatturare in maniera cartacea o telematica.

A prescindere da quale modalità di fatturazione scegli, ricordati di inserire in fattura la dicitura obbligatoria con la quale comunichi ai tuoi clienti che sei un contribuente in Forfettario: “Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 e successive modificazioni”.

Una delle semplificazioni più significative apportate dal Regime forfettario è l’esonero dall’applicazione dell’Iva, ma ricorda di versare l’imposta di bollo da 2 euro per le fatture superiori a 77,47 euro e di inserire questa voce: “Imposta di bollo da 2 euro num. assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro”.

Infine, non dovrai applicare la ritenuta d’acconto del 20% in fattura: il tuo cliente dovrà corrisponderti l’intero importo e dovrai aggiungere la dicitura: “Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014 e successive modificazioni”.

Esempio fattura perito agrario

fattura cassa specifica perito agrario

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accedi gratis al gestionale e ricevi la tua prima chiamata di assistenza

Crea il tuo Account Gratuito

Gestire la contabilità

A partire

259€

Anno / Iva Esclusa

Categorie

Guide utili

Gestire la contabilità può essere stressante.
Ti aiutiamo a rendere tutto più facile.

Articoli simili

Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto