Autofattura sulle commissioni applicate per i servizi bancari e finanziari forniti da operatori esteri

Aprire Partita Iva

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

All’interno della piattaforma FlexSuite puoi anche simulare le tasse da pagare, scaricare guide fiscali, utilizzare il gestionale di fatturazione e molto altro.

Autofattura sulle commissioni applicate per i servizi bancari e finanziari forniti da operatori esteri come PayPal, Amazon Pay, SumUp, Satispay e simili

 

In questo articolo ti indicheremo il comportamento fiscale corretto da tenere circa le commissioni bancarie applicate da istituti bancari e finanziari esteri nel caso in cui tu abbia ricevuto fatture estere.

Oggigiorno è sempre più diffuso l’utilizzo di pagamenti elettronici attraverso i pos, che permettono di accettare carte di debito e di credito, ma soprattutto attraverso le transazioni effettuate on-line.

Se sei un commerciante, e principalmente ti appoggi ad operatori bancari e finanziari esteri (come PayPal, Stripe, ecc…) per ricevere i tuoi compensi, fermati un attimo a leggere questo articolo.

I servizi effettuati da un qualsiasi istituto bancario o finanziario (come le commissioni per la tenuta di un conto corrente o le commissioni sui pagamenti) sono qualificate come operazioni esenti ai fini Iva, in base all’articolo 10 comma 1 numero 1 del DPR 633/72.

Tuttavia se il comportamento contabile e fiscale da tenere per i servizi offerti da istituti italiani è veloce, lo stesso non vale per le operazioni svolte da istituti bancari esteri.

Per le commissioni applicate per i servizi bancari e finanziari forniti da operatori esteri come PayPal, Amazon Pay, SumUp, Satispay, Braintree, Stripe, 2Checkout sarai tenuto all’obbligo di emettere un’autofattura.

L’autofattura dovrà essere emessa includendo i dati dell’istituto bancario che ha trattenuto le commissioni entro il 10 del mese successivo dalla ricezione del suddetto documento.

Dovrai comunque emettere fattura verso il cliente al lordo delle commissioni, quindi anche se hai effettivamente incassato 48 euro, dovrai riportare in fattura 50 euro.

Nell’autofattura non dovrai integrare l’Iva, in quanto le commissioni sui pagamenti e giroconti sono qualificate come operazioni esenti Iva secondo l’Articolo 10 comma 1 numero 1 del DPR 633/72.

Richiedi assistenza gratuita su FlexSuite e iscriviti gratis al servizio di Commercialista online FlexTax!

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *