Aprire Partita Iva per SEO specialist

SEO specialist: aprire Partita Iva

Aprire Partita Iva per SEO specialist è un argomento interessante per tutti coloro che ogni giorno si confrontano con Google. Se quest’ultimo è il tuo migliore amico e allo stesso tempo il tuo peggior nemico significa che la SEO è il tuo pane quotidiano.

Tutti i giorni intraprendi una sfida con gli algoritmi del motore di ricerca più famoso al mondo: la tua missione è quella di ottenere un buon posizionamento di un sito web nei risultati organici di Google.

Il tutto per incrementare la visibilità di prodotti e servizi e di conseguenza aumentare il tasso di conversione.

Un’ottima decisione è sicuramente quella di mettersi in proprio ed aprire Partita Iva per SEO specialist.

Ti starai dunque domandando come poter diventare un SEO specialist Libero Professionista.

Ti basta:


  • Trasmettere il modello AA9/12 all’Agenzia delle Entrate, con il quale non solo esprimi la tua volontà di aderire al Regime forfettario se rispetti i suoi requisiti di accesso (puoi non aderirvi e dopo vedremo qual è l’alternativa), ma indichi anche il codice ATECO per SEO specialist, che è il 62.02.00 – Consulenza nel settore delle tecnologie dell’informatica.

Non serve che tu ti iscriva all’Inail,a patto che tu esegua la tua professione in piena autonomia, cioè senza un lavoratore alle tue dipendenze.

N.B: Qualora dovessi decidere di abbonarti ai nostri servizi (che ti illustreremo più avanti) non dovrai occuparti di questi adempimenti, poiché ci penseremo noi.

Aprire Partita Iva per SEO specialist in Regime Forfettario o Semplificato: le differenze

L’alternativa al Forfettario è il Regime semplificato.

Non basta la semplice volontà per adottare un Regime piuttosto che l’altro: devi assicurarti innanzitutto di rispettare i limiti di fatturato che entrambi i Regimi prevedono:

  • In Semplificato i tuoi ricavi non devono superare la soglia di 400.000 euro se vendi servizi,

oppure di 700.000 se svolgi un altro tipo di attività.

Essendo il Forfettario il Regime più conveniente (per lo meno sulla carta), esso prevede delle regole più stringenti: attenzione a non ricadere in nessuna delle cause di esclusione del Forfettario.

Differenze tra i due Regimi

Ti mostreremo ora le principali differenze che intercorrono tra i due Regimi, in modo che tu possa scegliere il più conveniente per la tua attività di SEO specialist:

  • Le aliquote d’imposta previste dal Regime forfettario sono più basse di quelle del Semplificato.

Infatti, se decidessi di accedere al primo dei due, pagheresti un’aliquota d’imposta del 15% (o del 5%, come ti mostreremo più avanti); mentre in Semplificato le aliquote IRPEF vanno dal 23% al 43% in base al reddito che hai accumulato durante l’anno.

  • La modalità di calcolo del reddito su cui agiscono le aliquote (d’imposta e contributive) è differente.

In Forfettario ci si serve del coefficiente di redditività, il quale viene applicato ai ricavi conseguiti e permette di determinare il reddito in maniera forfettaria.

Invece, in Semplificato si utilizzano i modi ordinari (analitici), cioè il reddito lo si determina attraverso la sottrazione tra ricavi e costi.

Come saprai, dal 1° Gennaio 2019 è entrato in vigore l’obbligo di emettere la fattura telematica. Ma mentre in Semplificato si è obbligati ad emetterla verso qualsiasi soggetto, in Forfettario solamente quando si fattura alla Pubblica Amministrazione.

In Semplificato, invece, quando fatturi ad un cliente egli non ti corrisponde tutto l’importo, in quanto si trattiene il 20% a titolo di ritenuta d’acconto.

  • Un SEO specialist che aderisce al Forfettario, quando emette fattura non dovrà aggiungere l’Iva all’imponibile del servizio prestato (chi è in Semplificato invece include l’Iva).

Però avrai l’obbligo di assolvere l’imposta di bollo di 2 euro le fatture di importo superiore a 77,47 euro.

  • In Forfettario, a differenza del Semplificato, non sei obbligato all’invio dello Spesometro.

Conviene sempre il Forfettario?

Abbiamo avuto modo di intuire che sono molteplici i vantaggi offerti dal Regime forfettario, ma questo non significa che tutti i SEO specialist italiani che ne rispettano i limiti di accesso abbiano automaticamente convenienza ad adottarlo.

Vi sono, appunto, dei casi in cui è più vantaggioso aderire al Regime semplificato, nonostante sulla carta sia meno conveniente.

Tasse al 5% per le nuove Partite Iva SEO specialist in regime forfettario. Puoi accedere?

Per coloro che aprono una nuova attività, esiste la possibilità di applicare un’aliquota d’imposta ridotta pari al 5% per 5 anni.

Per poter ottenere tale agevolazione devi rispettare alcuni limiti:

  • Non puoi avviare un’attività che hai già svolto in passato.
  • Non devi aver svolto attività d’impresa nei tre anni precedenti all’avvio della tua nuova Partita Iva.

N.B: ricorda che questa agevolazione è rivolta anche a chi ha già aperto Partita Iva e:

  • rispetta i limiti suddetti
  • possiede tutti i requisiti per aderire al Forfettario
  • è ancora nel quinquennio di apertura Partita Iva.

Tasse da pagare nell’anno in Forfettario per una Partita Iva come SEO specialist

Con la tua Partita Iva per SEO specialist, durante l’anno pagherai l’imposta sostitutiva all’Agenzia delle Entrate e i contributi previdenziali obbligatori alla Gestione Separata Inps.

N.B: si chiama “imposta sostitutiva” perché, come suggerisce il termine, essa sostituisce le “classiche” imposte versate in Ordinario: Irap, Irpef, Addizionali, ecc.

Per determinare sia imposta che contributi obbligatori si utilizza il coefficiente di redditività, che per la tua professione è pari al 67%.

Esso viene applicato ai ricavi, ottenendo il reddito imponibile lordo, sul quale si calcolano i contributi (applicando l’aliquota contributiva del 25,72%).

Per determinare l’imposta da versare non si applica subito l’aliquota d’imposta del 15% (o del5%) al reddito imponibile lordo: infatti prima si possono dedurre da quest’ultimo i contributi obbligatori versati nell’anno in corso, giungendo al reddito imponibile netto.

È su questo che agisce l’aliquota d’imposta.

Esempio tasse da pagare in Regime forfettario:

Ricavi: € 19.000

Coefficiente di redditività: 67%

Reddito imponibile lordo: € 12.730 (19.000 x 67%)

Contributi obbligatori versati: 2.000

Reddito imponibile netto: € 10.730 (12.730 – 2.000)

Imposta sostitutiva del 15%: € 1.609,50 (10.730 x 15%)

Contributi Gestione Separata Inps: € 3.274,15 (12.730 x 25,72%)

Scadenze acconti e saldo SEO specialist in Regime forfettario

Il 30 Giugno avrai le seguenti scadenze:

  • il saldo dell’imposta sostitutiva relativa all’esercizio precedente.
  • il primo acconto dell’imposta sostitutiva per il 40%.
  • il saldo dei contributi Inps.
  • il primo acconto del 40% sui contributi Inps.

Gli importi dovuti a Giugno sono rateizzabili fino a 6 rate la cui ultima obbligatoriamente entro il 16 Novembre.

Entro il 30 Novembre devi invece versare:

  • il secondo acconto (60%) dell’imposta sostitutiva.
  • il secondo acconto (40%) sui contributi Inps.

Gli importi dovuti il 30 Novembre non sono rateizzabili.

Costi per l’apertura di una Partita Iva per SEO specialist in Forfettario

Se hai deciso di aprire la Partita Iva come SEO specialist, Flex Tax ha pensato per l’abbonamento “Gestione contabilità 2019 + Apertura Partita Iva Professionisti”, il quale comprende:

  • apertura della Partita Iva
  • iscrizione Inps
  • tenuta della contabilità e degli adempimenti fiscali
  • assistenza pagamento tasse
  • verifica immediata delle tasse da pagare e dei relativi importi
  • accesso all’area riservata per upload/download documenti
  • dichiarazione dei redditi da forfettario
  • consulenza gratuita
  • compilazione F24 per imposta/Inps.

Costi commercialista per gestire la Partita Iva se sei un SEO specialist

Se svolgi già la tua attività di SEO specialist tramite Partita Iva individuale e sei interessato solamente alla gestione della contabilitàGestione contabilità 2019 è l’abbonamento che ti consigliamo di valutare.

Esso include:

  • Dichiarazione dei redditi 2019
  • Consulente Dedicato
  • Accesso alle nuove funzionalità e servizi del portale in attivazione nel 2019
  • Compilazione F24
  • Assistenza gratuita via Ticket e Telefono
  • Area upload/download documenti
  • Tenuta contabilità e adempimenti fiscali
  • Accesso all’area personale
  • Altri servizi e strumenti in lancio.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Fabio Palazzo

Fabio Palazzo

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva