ProfessioniAprire Partita Iva per informatici

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Professioni

Aprire Partita Iva per informatici, costi, codice Ateco e documenti necessari per l’apertura: ecco di cosa ci occuperemo di seguito.
In questo articolo vogliamo informarti su come aprire Partita Iva per informatici.

In un mondo caratterizzato sempre di più dalla trasmissione di dati digitali, dalle connessioni ultra veloci e dallo sviluppo di infrastrutture informatiche, molti soggetti decidono di trasformare la propria passione per la digitalizzazione e per l’informatica in un lavoro che possa essere redditizio.

Difatti, negli ultimi anni è in crescita il numero di persone che scelgono di mettersi in proprio, decidendo di aprire Partita Iva per informatici. Questa tendenza è dovuta al fatto che l’ambito informatico e delle nuove tecnologie sta interessando un numero sempre maggiore di attività economiche.

In questo articolo ti spieghiamo tutto ciò che devi sapere se, come informatico, vuoi aprire la tua Partita Iva, i passaggi da seguire, cosa dovrai versare e le varie scadenze da rispettare.

Regime Forfettario o Semplificato: le differenze

Una delle domande che affiorano alla mente è quella riferita al Regime fiscale da adottare: Regime Forfettario o Semplificato?

Le semplificazioni e i vantaggi offerti dal Regime forfettario sono sicuramente allettanti, ma non sempre tale Regime è l’opzione più conveniente, sebbene sulla carta lo sia, perché in alcuni casi è preferibile il Semplificato.

Inoltre, considera che molte volte si è obbligati a rinunciare al Forfettario perché non si rispettano i suoi limiti.

Vediamo ora le caratteristiche principali del Regime Forfettario:

  • Imposta: oltre ai contributi, si paga solo un’imposta, l’imposta sostitutiva del 15% (o del 5%, come vedremo nel prossimo paragrafo);
  • Limite di ricavi: per accedere al Forfettario (e restarci una volta entrati) i tuoi ricavi non devono superare la soglia massima di 85.000 euro;
  • Agevolazioni: questo Regime ti riserva numerosi vantaggi contabili e fiscali;
  • Reddito imponibile: ai ricavi conseguiti si applica il coefficiente di redditività, che per te che sei un informatico è del 67%. In questo modo, il 67% dei ricavi verrà tassato, mentre il 33% ne sarà escluso.
  • Guida Facile al Regime Forfettario

    Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

Caratteristiche principali del Regime Semplificato:

  • Limiti di ricavi: la soglia massima di ricavi è pari a 500.000 euro se offri servizi e a 800.000 euro se svolgi un’altra attività;
  • Imposte: in questo Regime si pagano le classiche imposte IRPEF, Addizionali regionali e comunali, ecc.
  • Reddito imponibile: si ottiene sottraendo ai ricavi tutte le spese sostenute come figli a carico, spese mediche, ristrutturazioni, ecc.

Tasse al 5% per le nuove Partite Iva informatici in Regime Forfettario. Puoi accedere? 

Se hai aperto la tua Partita Iva per informatici adottando il Regime Forfettario, potrai accedere alla riduzione dell’imposta sostitutiva al 5% per i primi 5 anni di attività, ma devi rispettare le seguenti condizioni:

  • Devi svolgere un’attività che non rappresenta una semplice prosecuzione di una che già svolgevi in passato, anche se come lavoratore dipendente o impresa familiare;
  • Se rilevi un’attività già avviata da un altro soggetto, tale attività deve rispettare i limiti per poter accedere al Forfettario;
  • Non devi aver svolto, nei tre anni precedenti all’apertura della tua Partita Iva, attività d’impresa anche in forma associata o familiare.

Se invece sei già titolare di Partita Iva e hai sempre utilizzato un altro Regime (come il Semplificato o l’Ordinario), puoi aderire al Forfettario pagando l’imposta al 5% a patto che:

  • rispetti i suddetti limiti e quelli per accedere al Forfettario;
  • tu sia ancora nel quinquennio di apertura, potendo utilizzare così l’aliquota al 5% per gli anni che restano alla conclusione dei primi 5 di attività.

Tasse da pagare nell’anno per una Partita Iva di informatici

Se hai aperto la Partita Iva e hai deciso di adottare il Regime forfettario, devi sapere che sarai obbligato al versamento:

  • dell’imposta sostitutiva del 5% o del 15%;
  • dei contributi previdenziali obbligatori.

Mentre il calcolo dell’imposta sostitutiva è uguale per qualsiasi contribuente in Forfettario, il calcolo dei contributi varia a seconda che tu sia un informatico Artigiano o Professionista.

Come informatico Artigiano pagherai i contributi alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, versando una contribuzione fissa di 4.427,04 euro per il reddito da 0 a 18.415 euro, mentre per il reddito superiore ai 18.415 sarà applicata un’aliquota del 24%.

In questo caso, potrai richiedere la riduzione del 35% dei contributi da versare, rischiando però di vederti ridotte anche le settimane accreditate ai fini pensionistici.

Se invece sei un informatico Professionista, li verserai alla Gestione Separata Inps, nella percentuale del 26,07% del tuo reddito.

N.B.: alcuni professionisti facenti parte del mondo dell’informatica versano i contributi obbligatori alla propria Cassa di previdenza: ad esempio gli ingegneri informatici destinano i contributi ad Inarcassa.

Nel paragrafo seguente procediamo a spiegarti quali contributi dovrai versare sia come informatico Artigiano, sia come informatico Professionista, fornendoti esempi pratici.

Saldi e acconti per informatici Artigiani in Regime forfettario

Ti riportiamo ora un esempio di imposta e contributi al quale sarai soggetto come informatico Artigiano e successivamente il meccanismo di saldi e acconti che dovrai rispettare.

Anno di attività: 2023
Anno di dichiarazione dei redditi: 2024
Ricavi: € 17.000
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile: € 11.390 (17.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%: € 1.708,50 (11.390 x 15%)
Contributi fissi: € 4.427,04

Scadenze dei contributi fissi:

  • 16 Maggio 2024: € 1.106,76
  • 20 Agosto 2024: € 1.106,76
  • 18 Novembre 2024: € 1.106,76
  • 17 Febbraio 2025: € 1.106,76

Entro il 30 Giugno 2024:

  • Saldo contributi eccedenti minimale 2023: € 0
  • Acconto 40% contributi eccedenti minimale 2024: € 0
  • Saldo imposta sostitutiva 2023: € 1.708,50
  • Acconto 50% imposta sostitutiva 2024: € 854,25 (1.708,50 x 50%)

Gli importi dovuti il 30 Giugno possono essere suddivisi fino a 6 rate, di cui l’ultima deve obbligatoriamente essere versata entro il 18 Novembre.

Entro il 30 Novembre 2024:

  • Acconto 40% Contributi eccedenti minimale 2023: € 0
  • Acconto 50% Imposta sostitutiva 2024: € 854,25 (1.708,50 x 60%)

Entrambi non rateizzabili

Saldi e acconti per informatici Professionisti in Regime Forfettario

Ipotizziamo la stessa identica situazione presentata in precedenza, riferita questa volta all’informatico Professionista.

Anno di attività: 2023
Anno di dichiarazione dei redditi: 2024
Ricavi: € 17.000
Coefficiente di redditività: 67%
Reddito imponibile: € 11.390 (17.000 x 67%)
Imposta sostitutiva del 15%: € 1.708,50 (11.390 x 15%)
Contributi Gestione Separata: € 2.969,37 (11.390 x 26,07%)

Entro il 30 Giugno 2023 (importi rateizzabili in 6 rate):

  • Saldo contributi 2023: € 2.969,37
  • Acconto 50% contributi 2024: € 1.484,69 (2.969,37 x 50%)
  • Saldo imposta sostitutiva 2023: € 1.708,50
  • Acconto 50% imposta sostitutiva 2024: € 854,25 (1.708,50 x 50%)

Entro il 30 Novembre 2020 (importi non rateizzabili):

  • Acconto 50% Contributi 2024: € 1.484,69
  • Acconto 50% Imposta sostitutiva 2024: € € 854,25 (1.708,50 x 50%)

Costi per l’apertura di una Partita Iva per informatici in Forfettario

Se vuoi aprire la Partita Iva per informatici, puoi configurarti come:

  • Libero Professionista, se effettui attività di consulenza;
  • Artigiano, se sei ad esempio uno sviluppatore o un programmatore.

Se desideri aprire la tua Partita Iva come informatico Professionista e hai deciso di adottare il Regime forfettario, il nostro servizio più adatto a te è: Gestione contabilità + Apertura Partita IVA Professionisti.

Se invece hai scelto di aprirla come informatico Artigiano, tramite il servizio Gestione contabilità + Apertura Partita Iva Commercianti ed Artigiani ci occuperemo di tutto noi.

Entrambi i servizi comprendono:

  • apertura della Partita Iva come informatico Professionista o Artigiano
  • iscrizione Inps
  • tenuta della contabilità e degli adempimenti fiscali
  • verifica immediata delle tasse da pagare e dei relativi importi
  • dichiarazione dei redditi da forfettario, da presentare entro giugno dell’anno successivo
  • assistenza pagamento tasse
  • consulente dedicato, a cui rivolgerti via mail o per telefono, in qualsiasi momento tu lo desideri
  • compilazione F24 per imposta/Inps
  • accesso all’area riservata per upload/download documenti
  • altri servizi in fase di lancio nelle prossime settimane

Costi commercialista per gestire la Partita Iva come informatico

Se hai già provveduto ad aprire Partita Iva per informatici e sei interessato a qualcuno di competente che si occupi della contabilità della tua attività, FlexTax mette a tua disposizione il servizio di Gestione contabilità, che comprende:

  • Dichiarazione dei redditi da presentare entro giugno dell’anno successivo
  • Consulente Dedicato a cui rivolgerti via mail o per telefono, in qualsiasi momento tu lo desideri
  • Assistenza gratuita via Ticket e Telefono
  • Tenuta contabilità e adempimenti fiscali
  • Compilazione F24
  • Accesso all’area personale
  • Area upload/download documenti

Se vuoi approfondire i costi che dovrai sostenere in fase di apertura della Partita Iva, puoi leggere il nostro articolo dedicato: Costi di apertura Partita Iva

Se hai ancora dei dubbi, iscriviti gratis a FlexTax e contatta gratis la nostra assistenza: siamo qui per te!

2 commenti
"Aprire Partita Iva per informatici"
  1. Buongiorno, non mi è chiaro se un programmatore non laureato che volesse aprire la partita iva come lavoratore autonomo, per esempio con il codice ATECO 62.01.00, debba o meno effettuare l’iscrizione a INARCASSA. A questo ente accedono ingegneri informatici, ingegneri civili e archietti, ma chi non ha la laurea deve lo stesso obbligatoriamente iscriversi per poter fare il programmatore libero professionista?

    1. Elisa di FlexTax
      Elisa di FlexTax

      Buongiorno Fabio,

      Se ha piacere di ricevere assistenza specifica, le consigliamo di iscriversi alla nostra piattaforma.

      Tramite ticket potrà effettuare le sue domande e avere così assistenza fiscale.
      Se ha piacere invece di ricevere assistenza sul funzionamento dei nostri servizi, potrà prenotare la sua chiamata gratuita.

      Per iscriversi gratuitamente alla nostra piattaforma può andare in questa pagina: Creazione Account – FlexSuite

      La ringraziamo e le auguriamo buona giornata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo