Aprire Partita Iva per Game Developer

Game Developer come aprire Partita Iva

Il settore dei videogiochi è in perenne crescita e questo ha di conseguenza aumentato la domanda di professionisti sempre più qualificati e specializzati. La figura del Game Developer, ovvero il programmatore di videogiochi, è alla base dell’interfaccia del videogioco, ciò che l’utente percepisce visivamente una volta che comincia ad utilizzare la propria console.

Ma andiamo ad analizzare chi è questa figura e come aprire Partita Iva per Game Developer.

Chi è il Game Developer

Il Game Developer, o programmatore di videogiochi, è colui che, attraverso complicati linguaggi di programmazione, crea le fondamenta su cui si svilupperà il gioco. Lavora con un ampio team con cui interagisce e si confronta.

Il suo focus è la programmazione testuale e grafica su cui verrà sviluppata l’idea del Game Designer. Deve avere perciò diverse competenze:

  • conoscenza dei principali codici, poiché ogni software è compatibile con determinati linguaggi di programmazione;
  • avere delle conoscenze base di grafica, in modo da poter interagire con il Game Designer;
  • avere delle buone doti manageriali, in quanto il programmatore non lavora mai da solo.

Essendo un settore in perenne crescita anche in Italia, le possibilità di diventare programmatore di videogiochi aumentano esponenzialmente e, con una formazione adeguata e certificata, aumentano le possibilità di essere retribuiti in modo più che considerevole. Infatti lo stipendio di un programmatore di videogiochi si aggira intorno ai 70.000/80.000 euro all’anno.

Per diventare un programmatore di giochi potrai scegliere di intraprendere due strade:

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza

Attiva ora il tuo account gratuito

  • laurea in ingegneria informatica, che ti darà le basi per poi specializzarti nel settore;
  • corsi di formazione dedicati e riconosciuti a livello nazionale e internazionale.

Poiché il settore è in continua crescita ed evoluzione, più conoscenze hai per quanto riguarda i linguaggi di programmazione e più sono alte le possibilità di trovare un impiego in tempi brevi.

Un’altra caratteristica importante è anche lo spirito di adattamento, infatti non sempre troverai un ambiente lavorativo che abbia il tuo stesso modo di scrivere il codice di programmazione o che utilizzi i programmi a cui sei abituato.

Ora che hai un’idea di come diventare programmatore di videogiochi, il passo successivo sarà quello di aprire la Partita Iva.

Aprire Partita Iva per programmatore di videogiochi

Il primo passo per avviare la tua attività autonoma sarà quello di individuare il codice Ateco che meglio la descriva.

Per l’attività di programmatore di videogiochi il codice Ateco più appropriato è:

  • 62.01.00 – Produzione di software non connesso all’edizione

include:
– le attività di scrittura, modifica, verifica, documentazione e assistenza di software.
– progettazione della struttura e dei contenuti e/o la compilazione dei codici informatici necessari per la creazione e implementazione di: software di sistema (inclusi gli aggiornamenti), applicazione di software (inclusi gli aggiornamenti), database, pagine web.
– personalizzazione di software, esempio modificando e configurando un’applicazione esistente in modo che essa sia funzionale all’ambiente del sistema informativo dei clienti.

Tale codice Ateco prevede l’iscrizione in Camera di Commercio e alla Gestione Artigiani Inps.

Successivamente dovrai scegliere il regime Fiscale appropriato.

Regime Forfettario per programmatore di videogiochi

Il regime Forfettario è il regime fiscale naturale per chi apre per la prima volta Partita Iva in quanto presenta interessanti agevolazioni fiscali e contabili.

Per poterlo adottare sarà necessario rispettare tutti i requisiti da esso previsti.

Ai ricavi ottenuti durante l’anno d’imposta (intesi come fatture incassate) dovrai applicare il coefficiente di redditività associato al tuo codice Ateco per il calcolo del reddito imponibile su cui verserai imposta e contributi: nel tuo caso specifico sarà 67%.

Sarai soggetto al versamento di un’unica imposta, detta imposta sostitutiva, con aliquota al 15%, che potrà essere ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività se si rispettano alcuni requisiti.

Dovrai versare i contributi alla Gestione Artigiani Inps secondo questo schema:

  •  per il reddito compreso tra 0 e 16.243€: contributi fissi annuali pari a 3.905,76€, da versare in quattro rate di uguale importo: 16 maggio, 20 agosto, 16 novembre, 16 febbraio dell’anno successivo.
  • per il reddito superiore a 16.243€: oltre ai contributi fissi, verserai il 24% sull’eccedenza.

Con il regime Forfettario potrai inoltre richiedere una riduzione del 35% applicabile sia ai contributi fissi che su quelli da versare in percentuale.

Nel caso avessi bisogno di ulteriori informazioni su come aprire la Partita Iva come Game Developer puoi iscriverti gratuitamente alla nostra piattaforma FlexTax ed entrate in contatto con la nostra assistenza fiscale nella tua area riservata FlexSuite.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Rachele di FlexTax

Rachele di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi gratuitamente la tua prima chiamata di assistenza
Crea il tuo
Account Gratuito

Le recensioni dei nostri utenti

FlexTax Guide

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Carrello
Prodotto non più disponibile, il carrello è vuoto.
Continua a fare acquisti
0
Torna su

Parla gratis con un nostro esperto

Parla gratis con un nostro esperto

Iscriviti gratis

Inizia a usare FlexTax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Accesso Freemium

Registrati e accedi gratuitamente a servizi e strumenti di FlexTax

Accesso Plus

Se decidi di affidare la tua contabilità ai consulenti di FlexTax

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.