Domande e Risposte

Aprire partita Iva per ex collaboratore sportivo

vorrei aprire partita IVA, sono un ex collaboratore sportivo e  mi occupo di corsi di ginnastica. chiedo qualche informazione su come aprire, codice ateco, contributi da versare e tassazione. 

Prima di considerare la possibilità di aprire Partita Iva, se è un ex collaboratore sportivo, le indichiamo che per adottare il Regime forfettario è necessario rispettare tutti i requisiti previsti: Limiti forfettario.

Per la sua partita Iva, potrà adottare il seguente codice Ateco:

  • 85.51.00 – Corsi sportivi e ricreativi

che include:

  • formazione sportiva (calcio, baseball, basket, cricket eccetera);
  • centri e campi scuola per la formazione sportiva;
  • corsi di ginnastica;
  • corsi o scuole di equitazione;
  • Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
    Scarica gratis ora

  • corsi di nuoto;
  • istruttori, insegnanti ed allenatori sportivi;
  • corsi di arti marziali;
  • corsi di giochi di carte (esempio bridge);
  • corsi di yoga.

Il coefficiente di redditività associato a tale codice è del 78%. Il coefficiente di redditività si applica ai ricavi conseguiti per ottenere il reddito imponibile su cui calcolare imposta e contributi da versare.

Potrà inquadrarsi come libero Professionista e, nel momento in cui fatturerà verso palestre, associazioni, ASD, ecc., dovrà versare i contributi all’Ex-Enpals, mentre se fatturerà nei confronti di soggetti privati dovrà versare i contributi alla Gestione Separata Inps al 26,07%.

Se adotterà il forfettario, oltre ai contributi, verserà l’imposta sostitutiva al 15% o al 5% per i primi 5 anni di attività, se rispetterà i tre requisiti richiesti: Imposta sostitutiva 5%.

La informiamo che è stato confermato quanto riportato nel primo Decreto Legislativo 5 ottobre 2022, n.163. In particolare, deve prendere in considerazione l’Articolo 24 al punto 6 (la parte rossa delle note) e l’Articolo 23 al punto 8 bis (la parte rossa delle note) dove viene confermato che:

  • superati i 5.000 euro, l’eccedenza andrà a formare la parte imponibile su cui calcolare i contributi da versare, i quali saranno ridotti del 50% fino al 2027;
  • superati i 15.000 euro, l’eccedenza andrà a formare la parte imponibile su cui calcolare l’imposta.

Le consigliamo, infine, due articoli dedicati alla riforma dello sport sperando possano esserle d’aiuto: Riforma dello Sport 2023Riforma fiscale dello sport: cosa cambia per i lavoratori autonomi

Per maggiori informazioni potrà continuare a consultare i suddetti articoli in quanto questi saranno in continuo aggiornamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI