Aprire partita Iva per commerciantiAprire partita Iva per commercianti: come fare?

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Aprire partita Iva per commercianti

Aprire Partita Iva per commercianti, costi e documenti necessari per l’apertura: ecco di cosa ci occuperemo di seguito.

In questo articolo vogliamo informarti su come aprire Partita Iva per commercianti.

Come aprire la Partita Iva per commercianti?

Aprire Partita Iva per commercianti è più complesso, rispetto all’apertura da libero professionista, perché richiede più adempimenti. Per aprire la Partita Iva per commercianti, infatti, dovrai:

  • Presentare la dichiarazione di inizio attività tramite il Modello AA9/12
  • Iscriverti in Camera di Commercio e sostenere i costi di imposte di bollo e diritti di segreteria
  • Presentare un’eventuale Scia se la tua attività lo prevede
  • Versare il diritto Camerale Annuale che oscilla tra 50 e 120 euro
  • Acquistare PEC e firma digitale

In fase di apertura, dovrai anche adottare un codice Ateco che identifichi la tua attività e iscriverti alla Gestione Artigiani e Commercianti Inps, a cui versare i contributi.

Come vedi, gli adempimenti richiesti per avviare la tua attività commerciale sono veramente molti!

Per questo motivo ti consigliamo di affidarti ad un professionista, che saprà indicarti gli adempimenti necessari per la tua specifica situazione, evitandoti di incappare in errori e spiacevoli sanzioni.

Se sceglierai di affidarti a FlexTax per aprire la Partita Iva da commerciante, dovrai optare per uno dei due seguenti servizi:

Guida Facile al Regime Forfettario

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Quali differenze ci sono tra Regime Forfettario e Semplificato?

L’ultimo passaggio da compiere quando decidi di aprire Partita Iva per commercianti è scegliere il regime fiscale adatto per te. La scelta può ricadere tra: Regime Forfettario e Regime Ordinario Semplificato.

Vediamo insieme le differenze tra questi due regimi.

  • Per adottare il Forfettario, i tuoi ricavi da Partita Iva dell’anno precedente non devono superare gli 85.000 euro e non devi rientrare in nessuna delle cause di esclusione previste. Se apri per la prima volta la Partita Iva, rispetti sicuramente il limite di ricavi. Se scegli il Regime Semplificato, invece, dovrai rispettare il limite di 500.000 euro se vendi servizi o di 800.000 euro se svolgi altre attività.
  • In Forfettario, per calcolare il reddito imponibile, devi applicare ai ricavi che hai ottenuto nell’anno il coefficiente di redditività, una percentuale associata al tuo Codice Ateco, ottenendo in questo modo il reddito imponibile sul quale calcolare le tasse che dovrai pagare. In Regime Semplificato, invece, il reddito imponibile si calcola in maniera analitica, sottraendo ai ricavi ottenuti i costi sostenuti per l’attività.
  • In Forfettario hai un’unica imposta da versare: l’imposta sostitutiva. Ha un’aliquota al 15%, che in alcuni casi potrebbe scendere al 5% per i primi 5 anni di attività. In Regime Semplificato, invece, prevede il versamento dell’Irpef secondo il classico meccanismo a scaglioni e le addizionali regionali e comunali.
  • In Regime Forfettario non devi inserire l’Iva in fattura. Devi però ricordarti di applicare l’imposta di bollo del valore di 2 euro su tutte le fatture di valore superiore a 77,47 euro e di inserire le diciture del Regime Forfettario. In Regime Semplificato, invece, devi inserire l’Iva in fattura.
  • In Regime Forfettario puoi richiedere la riduzione del 35% dei contributi se sei inquadrato come artigiano o commerciante, invece in Regime Semplificato non puoi accedere a questa agevolazione.
  • In Forfettario, puoi dedurre dal reddito imponibile soltanto i contributi previdenziali versati l’anno precedente. Invece, in Semplificato hai diritto a deduzioni e detrazioni.
  • I contribuenti forfettari, a differenza di quelli in Ordinario Semplificato, sono esonerati dalla presentazione degli ISA, gli Indici Sintetici di Affidabilità.
  • In Semplificato, da libero professionista, devi ricordarti di inserire la ritenuta d’acconto del 20% in fattura. Invece, il Forfettario non prevede questo adempimento.

Siamo arrivati alla fine di questo articolo su come aprire Partita Iva per commercianti: speriamo di esserti stati utili!

Per essere sicuro di non commettere errori durante l’apertura della tua Partita Iva, ti consigliamo di affidarti a un esperto del settore fiscale ed il Commercialista Online FlexTax è il servizio adatto a te!

Iscriviti gratis a FlexTax e contatta la nostra assistenza: saremo lieti di aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo