Aprire Partita Iva per B&B

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

B&B: aprire Partita Iva

Per svolgere attività di B&B non serve obbligatoriamente aprire Partita Iva.

Puoi infatti concedere in locazione un bed and breakfast esercitando tale attività in forma occasionale, cioè in maniera saltuaria e senza organizzazione di mezzi.

Qualora l’esercizio dell’attività avvenisse con carattere di stabilità e con organizzazione di mezzi, allora sarà necessaria l’apertura della Partita Iva, in quanto si presuppone la produzione di reddito d’impresa.

Aprire Partita Iva per B&B in Regime Forfettario o Semplificato: le differenze

Con la tua Partita Iva per B&B, puoi affidarti o al Regime Semplificato o al Forfettario.

Dovrai esprimere la tua preferenza all’interno del modello AA9/12, da trasmettere all’Agenzia delle Entrate per attivare il tuo numero di Partita Iva.

In realtà, la vera scelta del Regime la effettui attraverso il comportamento concludente: solo quando inizierai a comportarti come un contribuente forfettario significherà che hai adottato il Regime forfettario (lo stesso vale per il Semplificato).

Quindi, è bene compilare in maniera corretta il modello AA9/12, cioè scegliendo il Regime che si ha davvero intenzione di adottare, ma nel caso in cui poi si utilizzi l’altro non verrai assolutamente sanzionato.

L’importante è che tu aderisca al Regime fiscale nel quale hai diritto di entrare.

Infatti, non è solamente una questione di preferenza: entrambi i Regimi si dotano di limiti all’ingresso, quindi non tutti possono accedervi.

Considera, innanzitutto, che esistono delle soglie massime di ricavi per poter entrare (e rimanere gli anni successivi) nei due Regimi:

Ricorda che il Forfettario ha delle condizioni più stringerti per potervi entrare. D’altronde è il Regime più conveniente fra tutti, per lo meno sulla carta, quindi non potrebbe offrire i propri vantaggi ad una platea troppo elevata di contribuenti.

Ipotizzando che tu abbia i requisiti per accedere ad entrambi i Regimi, e che quindi si tratterebbe solamente di scegliere liberamente il più vantaggioso, è bene che tu comprenda al meglio la distinzione tra Regime forfettario e Regime semplificato:

  • Il Forfettario impone al pagamento di una sola imposta che sostituisce quelle “tradizionali” che si pagano in Semplificato (Irap, Irpef, Addizionali Regionali e Comunali).

Stiamo parlando della cosiddetta “imposta sostitutiva”.

  • L’imposta sostitutiva prevede che il tuo reddito venga tassato al 15% (o al 5% per 5 anni, in casi particolari), mentre in Semplificato le aliquote Irpef (dal 23% al 43%) variano a seconda degli scaglioni di reddito.
  • Mentre se aderisci al Semplificato il tuo reddito imponibile si calcola nei modi ordinari (ricavi meno costi), in Forfettario i costi che ti vengono riconosciuti non sono quelli che hai realmente sostenuto (ma vengono determinati forfettariamente applicando ai ricavi il coefficiente di redditività).

Esempio:

Ricavi: € 7.000

Costi sostenuti: € 2.000

Coefficiente di redditività per affittacamere: 40%

Reddito imponibile in Semplificato: € 5.000 (7.000 – 2.000)

Reddito imponibile in Forfettario: € 2.800 (7.000 x 40%)

  • Il Forfettario prevede diversi vantaggi rispetto al Semplificato:

Tasse al 5% per le nuove Partite Iva B&B in regime forfettario. Puoi accedere?

La tassazione al 5% per 5 anni per chi aderisce al Forfettario è un’importantissima agevolazione, ma non tutti possono usufruirne.

Per cominciare devi possedere tutti i requisiti previsti dal Regime forfettario.

Poi, assicurati di rispettare i seguenti limiti:

  • Non puoi semplicemente proseguire un’attività che hai già svolto in passato (anche come lavoratore dipendente o con impresa familiare).
  • Non puoi aver svolto attività d’impresa nei tre anni precedenti all’apertura della Partita Iva.
  • Se rilevi un’attività già avviata, questa deve risultare in linea con i requisiti del Forfettario.
  • Se hai già aperto Partita Iva, puoi applicare l’aliquota al 5% se sei ancora nel quinquennio di apertura; ma non potrai usufruire dell’aliquota ridotta per 5 anni, ma solamente per gli anni che restano alla conclusione del quinquennio.

Tasse da pagare nell’anno in Forfettario per una Partita Iva per B&B

Quali sono le tasse da pagare se svolgo attività di B&B in Partita Iva e adotto il Regime Forfettario?

Imposta sostitutiva

Come dicevamo prima, il Regime forfettario prevede il pagamento dell’imposta sostitutiva, pari al 15% (o al 5%) del reddito.

Il primo passo per determinare tale reddito consiste nell’applicare il coefficiente di redditività ai ricavi.

Ciò che si ottiene è il reddito imponibile lordo, ma non è su questo che agisce l’aliquota d’imposta.

Infatti, prima possiamo dedurre i contributi previdenziali obbligatori versati nell’anno.

Il risultato di questa sottrazione si chiama “reddito imponibile netto”, ossia il valore su cui avviene la tassazione.

Contributi previdenziali obbligatori

Oltre all’imposta pagherai anche i contributi previdenziali obbligatori alla Gestione Commercianti Inps.

Tali contributi, così come l’imposta, si calcolano sul reddito; ma mentre l’imposta viene determinata sul reddito imponibile netto, i contributi invece sul lordo, con un’aliquota del 24,09%.

In realtà, l’aliquota del 24,09% si applica solamente sui redditi non oltre i 47.143 euro; oltre questa soglia la tassazione sale al 25,09%.

Esempio pratico imposta e contributi obbligatori

Ricavi: € 6.000

Coefficiente di redditività: 40%

Contributi obbligatori versati: € 500

Reddito imponibile lordo: € 2.400 (6.000 x 40%)

Reddito imponibile netto: € 1.900 (2.400 – 500)

Imposta sostitutiva da versare: 285 (1.900 x 15%)

Contributi obbligatori: € 578,16 (2.400 x 24,09%)

N.B: i Commercianti versano contributi fissi per 3.832,45 euro, anche in caso di reddito pari a zero; per te che guadagni con gli affitti brevi, nonostante tu sia un Commerciante, esiste un’importantissima agevolazione: non pagherai tali contributi fissi e sul reddito ti verrà applicata l’aliquota contributiva del 24,09%.

Inoltre, come tutti i Commercianti, puoi richiedere la riduzione del 35% sui contributi Inps da versare.

Scadenze acconti e saldo B&B in Regime forfettario

Abbiamo visto come si calcolano imposta e contributi: non ci resta che mostrarti le scadenze di pagamento per te che hai deciso di aprire Partita Iva per B&B.

Dovrai versare entro il 30 Giugno:

  • il saldo dei contributi Inps.
  • il primo acconto del 40% sui contributi Inps.
  • il saldo dell’imposta sostitutiva relativa all’esercizio precedente.
  • il primo acconto dell’imposta sostitutiva per il 40%.

Tali pagamenti sono rateizzabili fino a 6 rate la cui ultima obbligatoriamente entro il 16 Novembre.

Entro il 30 Novembre devi invece versare:

  • il secondo acconto (60%) dell’imposta sostitutiva.
  • il secondo acconto (40%) sui contributi Inps.

Questi due non sono rateizzabili e vanno dunque pagati in un’unica soluzione.

Costi per l’apertura di una Partita Iva per B&B in Forfettario

Ti spaventano i costi per l’apertura di una Partita Iva per B&B in Forfettario?

Non preoccuparti: Flex Tax ha ideato per te il servizio “Gestione contabilità 2019 + Apertura Partita Iva Commercianti ed Artigiani”, con il quale penseremo noi ad effettuare l’apertura della tua Partita Iva, ad iscriverti all’Inps e gestire la tua contabilità in Forfettario.

Quindi, Gestione contabilità 2019 + Apertura Partita Iva Commercianti ed Artigiani è il servizio che fa per te se vuoi dare vita alla tua nuova attività imprenditoriale e vuoi affidare a noi la tua contabilità.

Durante l’anno provvederemo alla:

  • dichiarazione dei redditi in Forfettario
  • compilazione degli F24 per il versamento dell’imposta e dei contributi all’Inps.

Inoltre, potrai accedere in piena autonomia:

  • agli strumenti per la verifica immediata delle tasse da pagare
  • all’area riservata per la gestione dei tuoi documenti
  • ai servizi per ricevere assistenza dedicata e consulenza gratuita.

Costi commercialista per gestire la Partita Iva per B&B

Flex Tax ti permette anche di ridurre i costi del tuo commercialista.

Infatti, se sei già titolare di impresa e desideri semplicemente cambiare esperto contabile, ti consigliamo l’abbonamento “Gestione contabilità 2019”, che include:

  • Tenuta contabilità e adempimenti fiscali
  • Dichiarazione dei redditi 2019
  • Consulente Dedicato
  • Compilazione F24
  • Assistenza gratuita via Ticket e Telefono
  • Area upload/download documenti
  • Accesso all’area personale.

Perché con Flex Tax si paga di meno?

Riusciamo ad offrire i nostri servizi a prezzi convenienti poiché utilizziamo strumenti tecnologici ed automatizzati che velocizzano le pratiche e riducono i costi di assistenza.

Non solo: Flex Tax mette a tua disposizione una consulenza dedicata, costante ed altamente specializzata sulla tua attività di B&B.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Ti è stato utile questo articolo? Dillo in giro!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

flexsupport_white

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva

Chiudi il menu
×

Carrello

Inizia a usare Flex Tax

Scopri i vantaggi dell'innovativa piattaforma per Partite Iva.

Gestione contabile

Consulente dedicato, adempimenti contabili e fiscali.

Apertura Partita Iva

Apertura Partita Iva, consulente dedicato, adempimenti fiscali e contabili.

Consulente Fiscale

Hai domande sul Regime Forfettario e Semplificato? I nostri consulenti rispondono

Calcolo Tasse

Per sapere in anticipo quante tasse dovrai pagare, usa il nostro simulatore per il Regime Forfettario.

E-Service

L’ E-commerce di servizi e strumenti per la gestione contabile e l’amministrazione aziendale.

Chi siamo


Esperti contabili, consulenti del lavoro, avvocati e un’azienda di innovazione digitale uniti per aiutare le imprese nella gestione della Partita Iva.