Domande e Risposte

Aprire partita Iva come Giardiniere

aprire partita come giardiniere, in regime forfettario. Ci sono requisiti da rispettare?

Se vorrà adottare il regime Forfettario per la sua Partita Iva dovrà sincerarsi di rispettare tutti i requisiti da esso previsti: Limiti forfettario.

Per l’attività di giardiniere potrà adottare il seguente codice Ateco:

  • 81.30.00 – Cura e manutenzione del paesaggio (inclusi parchi, giardini e aiuole)

che include:

  • realizzazione, cura e manutenzione di parchi e giardini per: abitazioni private e pubbliche, edifici pubblici e privati (scuole, ospedali, edifici amministrativi, chiese eccetera), terreni comunali (parchi, aree verdi, cimiteri eccetera), aree verdi per vie di comunicazione (strade, linee ferroviarie e tranviarie, vie navigabili, porti, aeroporti), edifici industriali e commerciali;
  • realizzazione, cura e manutenzione di aree verdi per: edifici (giardini pensili, verde per facciate, giardini interni eccetera), campi sportivi (campi di calcio, campi da golf eccetera), campi da gioco, aree per solarium ed altri parchi per uso ricreativo, acque lacustri e correnti (bacini, bacini artificiali, piscine, canali, corsi d’acqua, sistemi di scolo);
  • realizzazione di spazi verdi per la protezione contro il rumore, il vento, l’erosione, la visibilità e l’abbagliamento.

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Con il regime Forfettario, il reddito imponibile si calcolerà applicando ai ricavi dell’anno (intesi come fatture incassate) il coefficiente di redditività: percentuale associata al suo codice Ateco che, in questo caso, è del 67%.

Per svolgere tale attività è necessaria l’iscrizione nel R.U.P. (Registro Unico Produttori) tenuto dal servizio vivaistico regionale o Attestato di idoneità con “adeguate competenze” o titoli di studio definiti nellAccordo in conferenza Stato – Regioni del 22/02/2018.

Il suddetto codice Ateco prevede:

  • l’iscrizione in Camera di Commercio, alla quale verserà il diritto camerale annuale che oscilla tra i 50€ e i 100€;
  • l’iscrizione alla Gestione Artigiani Inps alla quale verserà contributi fissi pari a 4.427,04€ fino ad un reddito di 18.415€. Superata tale soglia li verserà anche in percentuale al 24% sull’eccedenza.

Con il regime Forfettario, essendo iscritto alla Gestione Artigiani Inps, può chiedere la riduzione del 35% sui contributi, sia fissi che in percentuale: Riduzione 35%.

Il regime Forfettario prevede, inoltre, il versamento di un’unica imposta con aliquota al 15%. L’aliquota può essere ridotta al 5% per i primi cinque anni di attività se rispetta le condizioni: Regime forfettario imposta sostitutiva 5%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI SIMILI