Aprire Partita Iva per wedding plannerAgevolazioni per Partita Iva per infermieri

Iscriviti gratis e ricevi subito assistenza fiscale gratuita

Aprire Partita Iva per wedding planner

Ci sono agevolazioni per aprire la Partita Iva per infermieri?

Agevolazioni per Partita Iva per infermieri: quali sono? L’agevolazione per eccellenza, sia a livello contabile che fiscale, nel caso tu debba aprire Partita Iva, si può ottenere adottando il Regime Forfettario.

Per poterlo applicare e mantenere anche l’anno successivo, non dovrai superare gli 85.000 euro di reddito annuo ed essere sicuro inoltre che:

• l’anno precedente tu non abbia avuto redditi da lavoro dipendente o assimilati superiori ai 30.000 euro;

• non fatturi più del 50% al datore di lavoro attuale o quello che hai avuto nei due anni precedenti l’apertura della tua Partita Iva;
• non hai sostenuto spese superiori ai 20.000 euro per collaboratori o dipendenti;

• sei residente in Italia. Puoi anche risiedere in un Paese appartenente all’Unione Europea, o Norvegia, Islanda o Liechtenstein, ma devi fatturare almeno il 75% del tuo reddito complessivo in Italia;

• non fai parte di società di persone, associazioni di persone o imprese familiari;

• non fatturi per attività riconducibili ad una S.r.l. di cui hai il controllo diretto o indiretto;

• non effettui cessioni di fabbricati, terreni edificabili o mezzi di trasporto nuovi;

• non applichi Regimi speciali Iva o a determinazione forfettaria del reddito.

 

Se adotterai il Forfettario per la tua Partita Iva di infermiere potrai:

versare l’imposta sostitutiva del 15%, applicata al reddito imponibile, che potrà scendere al 5% per i primi 5 anni di attività;

• non applicare l’Iva e la ritenuta d’acconto in fattura ma soltanto una marca da bollo di 2 euro se l’importo della fattura supera i 77,47 €.

Guida Facile al Regime Forfettario

Iscriviti alla piattaforma FlexTax e ricevi gratis il libro
Scarica gratis ora

Infine, ti ricordiamo che, essendo tu un infermiere e quindi un professionista sanitario, avrai il divieto di emettere fatture in formato elettronico verso privati, ma dovrai trasmettere al Sistema Tessera Sanitaria i dati fiscali relativi alle prestazioni rese verso i privati, per agevolare la dichiarazione dei redditi dei tuoi pazienti. Invece, nel caso in cui tu emetta fattura nei confronti di una struttura, questa dovrà essere in formato elettronico come per tutti gli altri contribuenti.

Puoi approfondire nel nostro articolo:
Fatturazione elettronica parzialmente esclusa per i professionisti sanitari nel 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adv

Gestire la contabilità
può essere stressante

Ti aiutiamo a rendere tutto più facile
Fai il primo passo