Agente di Commercio forfettario, conviene il forfettario?

Mi conviene passare al forfettario se ho ricavi al netto di Iva per € 62000, due figli piccoli a carico, mutuo prima casa, ecc?

Non possiamo affermarle in via generale le conviene applicare o meno il Regime forfettario, perché avremmo bisogno di numerose informazioni personali che non possiamo raccogliere in questo contesto.

Quello che possiamo fare, però, è mostrarle quale sarebbe la sua situazione se adottasse il Regime forfettario.

Ricavi: 62.000 euro
Coefficiente di attività: 62% (per attività di agente di commercio)
Reddito imponibile al lordo dei contributi versati: 38.440
Contributi obbligatori versati (principio di cassa) tra Gestione Commercianti ed ENASARCO: 3.440 euro (cifra solo a titolo di esempio)
Reddito imponibile al netto dei contributi versati: 35.000 euro
Imposta sostitutiva 15%: 5.250 euro (35.000 x 15%)
Contributi fissi Gestione Commercianti: 3.791,98 euro (su reddito minimale di 15.710 euro)
Contributi eccedenti reddito minimale: 5.475,657 euro (38.440 – 15.710 x 24,09%)

Dovrà contare anche i contributi che deve versare all’ENASARCO in qualità di agente di commercio.

Questa è un esempio di quale sarebbe la sua situazione nel Regime forfettario.

Se non ha altri redditi soggetti ad Irpef perderà la possibilità di dedurre/detrarre altre tipologie di spese oltre i contributi obbligatori versati (come nell’esempio).


Approfondisci qui:

Regime forfettario conviene?

Regime forfettario Agente di Commercio

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Anna di FlexTax

Anna di FlexTax

Ti è stato utile questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli suggeriti

Lascia un commento

Diventa Socio
Investi in FlexTax

50% di credito di imposta

Ti aiutiamo a gestire la tua Partita Iva